/application/files/1515/0876/9897/oasis_41e36dff1c2e1c6a05698667bf2144b2.jpg
close_menu
close-popup
image-popup

Lingue disponibili:
close-popup
Paypal
Carta di credito
donazioni
Rassegna stampa

AFRICA/NIGERIA - “C’è bisogno di aiuti concreti per gli sfollati colpiti da Boko Haram”: appello del Vescovo di Maiduguri

“La sicurezza è migliorata grazie all’impegno dei militari qui presenti e gli attacchi di Boko Haram sono diminuiti” dice all’Agenzia Fides Sua Ecc. Mons. Oliver Dash Doeme, Vescovo di Maiduguri, la diocesi nel nord-est della Nigeria più colpita dalle violenza della setta jihadista Boko Haram. Circa 60.000 fedeli della diocesi (dei 125.000 totali) sono stati costretti ad abbandonare le proprie case; 50 chiese sono state distrutte nella diocesi; 150.000 persone uccise negli ultimi sei anni.
“Il problema principale sono i numerosi sfollati e rifugiati interni (circa 60.000) ancora presenti nella nostra diocesi, sia qui a Maiduguri sia in alcuni villaggi – sottolinea il Vescovo -. Abbiamo bisogno di sostegno materiale e finanziario per aiutare queste persone. Abbiamo due categorie di persone da aiutare coloro che sono ancora sfollati e quelli che sono tornati nei villaggi di origine ma che non hanno niente perché tutto è stato distrutto dalla furia devastatrice di Boko Haram; non hanno cibo né lavoro”.
“C’è bisogno di aiuto concreto da parte della comunità internazionale, perché la gioventù nigeriana non cresca nell'ignoranza e nell'analfabetismo. Mancano beni di prima necessità, come acqua potabile, cibo e medicinali” evidenzia Mons. Doeme, che ha promosso una raccolta di firme da indirizzare ai rappresentanti dell'Unione Africana, dell'Unione Europea e dell'ONU perché intervengano in aiuto alle popolazioni colpite.

Fides

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato

Autorizzo l'uso di dati dopo aver accettato la privacy-policy

Per approfondimenti e analisi iscriviti al nostro diario semestrale