Articoli > Cristiani nel mondo musulmano > 2013 > Per una Siria unita e libera per tutti

Per una Siria unita e libera per tutti

Cristiani Siriani per la Democrazia | giovedì 28 febbraio 2013

Antiochia, Turchia, 14 febbraio 2013

A partire dalle parole del profeta Ezechiele contenute nella Bibbia «Dice il Signore Dio: “basta con le violenze e le rapine! Agite secondo il diritto e la giustizia; eliminate le vostre estorsioni dal mio popolo. Parola del Signore Dio”» e sostenuti dagli insegnamenti dei Padri della Chiesa e in particolare dalle parole di San Basilio «Ti prego di far trionfare la giustizia […] e di stare dalla parte dell’uomo, difendendo lui e la verità».

I cristiani siriani firmatari di questo patto si impegnano davanti al popolo siriano:
- a rimanere fedeli all’unità nazionale, in virtù dell’impossibilità stessa di separarsi dal resto del popolo;
- a difendere con ogni mezzo il diritto del popolo siriano alla libertà, alla dignità e alla possibilità di scegliere il proprio modello di vita politica e sociale
- a operare per mantenere l’unità della società e l’indipendenza e la forza dello Stato, che includa e protegga tutti i suoi cittadini e cittadine, a prescindere dalla loro religione, dal loro credo, dalla loro appartenenza sociale o etnica;
- a resistere insieme agli altri fratelli siriani alla tirannide, sotto qualunque forma o colore politico si presenti;
- a non agire o pronunciarsi in modo da offendere la cultura del loro popolo, che hanno contribuito a formare facendola giungere a un alto livello di progresso, apertura e tolleranza;
- a preservare gli impegni e i patti morali, storici e politici che hanno reso il popolo siriano una comunità nazionale unita, che farà del suo Stato un’entità sotto la cui egida vivranno in pace e in armonia tutti i cittadini, a qualsiasi gruppo appartengano;
- a proteggere la loro patria dai nemici esterni e a contribuire a liberare i suoi territori occupati e operare affinché il popolo palestinese possa raggiungere i suoi obiettivi nazionali e costituire uno Stato indipendente, sovrano e libero;
- a non rinunciare alla voce unanime degli arabi, a rafforzare la loro cooperazione e a non favorire l’intolleranza confessionale o settaria tra i figli del popolo arabo cui appartengono e tra i loro connazionali siriani;
- a fare delle loro Chiese delle comunità di armonia, di amore e di difesa del diritto alla giustizia, all’uguaglianza, all’equità dei perseguitati e degli oppressi;
- a continuare a essere un aiuto per i deboli e i bisognosi, a sostegno della pace e della comprensione fra le persone, impedendo la violenza e tutto ciò e tutti coloro che possono minacciare il diritto dei siriani alla vita e alla dignità;
- a rispettare le religioni e le credenze di tutti i siriani, onorare i loro profeti e messaggeri e rendere omaggio ai loro libri sacri, proteggere i loro luoghi di culto, condividere i loro momenti di gioia e di dolore, cooperare con loro.

Questo è un patto di fede e onore, irrevocabile e vincolante, che stringiamo in coscienza davanti a Dio e ai fratelli cofirmatari.

Michel Kilo, Padre Spiridon Tannous, Ayman Abd al-Nour, Samir Sattouf, Bassam Bitar, Elias Warde, Michel Sattouf, Rouba Hanna, Isam Elias, Bassam Ma’luf, Bassam Khoury

(Traduzione dall'arabo Fondazione Internazionale Oasis)
 

©2013 Fondazione Internazionale Oasis C.F. 94068840274 - email: oasis@fondazioneoasis.org - Credits