/application/files/4915/0876/9457/oasis_79c4649cbfa4228a5a0c383fe70b5b74.jpg
close_menu
close-popup
image-popup

Lingue disponibili:
close-popup
Paypal
Carta di credito
donazioni
Rassegna stampa

Egitto, 18 morti in anniversario rivoluzione

Sanguinosi scontri tra sostenitori dei Fratelli Musulmani e le forze dell'ordine hanno segnato il quarto anniversario della Rivoluzione egiziana che durante la Primavera araba depose l'allora presidente Hosni Mubarak. Bilanci ufficiali provvisori citati dai media in serata riferiscono di almeno 18 morti e una cinquantina di feriti. Circa 150 gli arresti. Già alla vigilia c'erano state manifestazioni disperse dalla polizia che avevano causato la morte di una ragazzina di 17 anni ad Alessandria venerdì e, il giorno dopo, di Shaimaa Al-Sabbagh, attivista di un piccolo partito di sinistra secondo le più recenti ricostruzioni raggiunta alla schiena da proiettili di gomma sparati a distanza ravvicinata.

I loro volti, freschi e graziosi accostati nelle foto rilanciate su siti d'informazione e social network, e l'immagine della militante di 33 anni fra le braccia di un uomo che la soccorre le hanno rese in poche ore icone della negazione del diritto di manifestare che colpisce i Fratelli Musulmani ma anche altre formazioni non illegali. Mentre nel 2011 milioni di persone colmarono l'enorme piazza Tahrir al centro del Cairo, quest'anno l'immensa rotatoria era chiusa da una ventina di blindati, filo spinato e barriere di metallo con i colori della bandiera egiziana. In una capitale relativamente deserta per paura degli scontri, anche altre parti del centro sono state bloccate o presidiate in maniera massiccia da forze dell'ordine ed esercito anche con armi pesanti.

Da particolari del bilancio di morti e feriti emerge che la polizia ha usato la mano pensante in tre quarti dei casi ma anche che i Fratelli Musulmani sono tornati a sparare come ai tempi delle proteste contro la rimozione da parte dei militari del presidente e loro leader Mohamed Morsi. Fra le vittime, in gran parte (12) segnalate ad Al Matariyyah, un turbolento quartiere filo-Confraternita nella periferia nord-est del Cairo, c'è almeno anche un giovane poliziotto, riferisce il ministero dell'Interno. Il dicastero ha sostenuto inoltre che un manifestante ucciso ad Alessandria stava sparando con un mitra. Altre due vittime della giornata erano "terroristi", secondo la definizione ufficiale che indica in genere i Fratelli musulmani messi al bando un anno fa, morti per l'esplosione del'ordigno che stavano piazzando sotto un pilone. In serata circolavano informazioni su altri due agenti uccisi "da sconosciuti" a Giza, nell'ovest del Cairo.

Il bilancio è ancora inferiore ma si avvicina ai 29 morti dell'anno scorso (in cui c'erano state però 14 vittime alla vigilia) e il caos è stato accresciuto fra l'altro da un ufficio circoscrizionale dato alla fiamme con bottiglie molotov sempre a Giza e da un ordigno che ha ferito due poliziotti nell'est della capitale. Alla vigilia il presidente Abdel Fattah al Sisi, in un discorso televisivo, aveva esaltato la rivoluzione anti-Mubarak ma anche la "correzione" che la sollevazione di fine giugno 2013 aveva apportato dando l'occasione ai militari di cacciare gli integralisti islamici rivelatisi troppo invadenti istituzionalmente ed inefficienti.

Avvenire

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato

Autorizzo l'uso di dati dopo aver accettato la privacy-policy

Per approfondimenti e analisi iscriviti al nostro diario semestrale