pdf, su iTunes, su Amazon, sul sito di Marcianum Press." /> pdf, su iTunes, su Amazon, sul sito di Marcianum Press.">
close_menu
close-popup
image-popup

Lingue disponibili:
close-popup
Paypal
Carta di credito
donazioni

Fare la guerra dopo l’89

Filosofia dell’impero. L’azione militare è divenuta poliziesca e in nome del diritto internazionale punta a stabilire un nuovo ordine mondiale. Protagonisti gli Stati Uniti che, vantando una superiorità tecnica ed economica, hanno tentato di governare il mondo. Ma l’epoca unipolare è ormai tramontata. Questo articolo è un'anticipazione del numero 20 di Oasis. La rivista è disponibile in pdf, su iTunes, su Amazon, sul sito di Marcianum Press.

Se la guerra spesso è solo la prosecuzione della politica con altri mezzi, comprendere la guerra è, necessariamente, comprendere la politica. Parlare della guerra dopo la caduta del muro di Berlino significa perciò raccontare, riflettere e pensare la storia di quest’epoca.

Prima della caduta del muro si aveva a che fare con una bipolarizzazione mondiale, due ideologie universaliste e due imperi contrapposti, impossibilitati a farsi guerra diretta grazie all’equilibrio del terrore. L’Europa era tagliata in due. Gli imperi coloniali europei erano scomparsi lasciando posto a un Terzo Mondo diviso tra filosovietici, filoamericani e non allineati. Oltre la guerra in Corea e quella in Vietnam infuriavano numerosi conflitti periferici.

La caduta dell’impero sovietico ha messo fine a questi confronti indiretti. Il mondo è diventato monopolare. L’impero americano è il primo nella Storia a potersi definire, senza esagerare, universale. Dalla caduta del suo rivale, ha preso l’iniziativa di un “nuovo ordine mondiale”1 che consisteva nel rendere effettivamente universale questo impero. Per una generazione il mondo intero ha conosciuto una certa conformazione alle norme economiche, politiche e culturali degli Stati Uniti d’America. La politica e le guerre di quest’epoca sono innanzitutto politiche e guerre americane, e poi, per reazione, politiche e guerre antiamericane.

In un primo tempo (1989-2001) la normalizzazione sembrò irresistibile. Vi fu l’impressionante manifestazione di forza della prima guerra del Golfo (1990-1991) e le guerre di disintegrazione della Jugoslavia (Bosnia 1992-1995 e Kosovo 1999). In un secondo tempo (2001-?), dopo gli attentati a New York dell’11 settembre, l’impegno militare diventa più pesante e permanente (Afghanistan, 2002-?; Iraq, 2003-2012, 2014-?; Libia, 2011-?; Siria, 2011-?), nonostante resistenze sempre più forti ostacolino la politica imperiale.
Venticinque anni dopo la caduta del muro l’impero liberale ha perso l’iniziativa. Riappare progressivamente un concerto di nazioni, mettendo una potenza indebolita davanti alla difficile scelta tra l’abdicazione silenziosa di fronte a una multipolarità ritenuta inevitabile, una restaurazione di forza e/o una capacità di fare rete che consenta un nuovo secolo americano.


La versione integrale di questo articolo si trova nella rivista numero 20 di Oasis. La rivista è disponibile in pdf, su iTunes, su Amazon, sul sito di Marcianum Press.


1 George Bush (padre), Discorso al Congresso dell’11 settembre 1991.

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato

Autorizzo l’utilizzo dei miei dati dopo aver letto e accettato le condizioni di utilizzo del servizio ai sensi della D.LGS. 196/2003

Per approfondimenti e analisi abbonati alla nostra rivista semestrale