/application/files/8315/0877/0097/oasis_1f01519c78575be2448a3545f08d6f4e.jpg
close_menu
close-popup
image-popup

Lingue disponibili:
close-popup
Paypal
Carta di credito
donazioni
Religione e società

Il bivio decisivo

Le recenti stragi compiute dai jihadisti a Parigi e in Nigeria confermano che l’Islam contemporaneo vive un problema con la violenza. Di fronte a questa sfida epocale si sta già producendo una polarizzazione interna al mondo musulmano, nella quale ha un suo peso anche il confronto con il Cristianesimo.

Una manifestazione in sostegno di Charlie Hebdo a Roma

Nel massacro di Parigi, e in quel che ne seguirà, sono almeno due i temi che s’intrecciano: quello della libertà di espressione e del suo significato per l’Europa e quello della violenza religiosamente motivata.
In merito a quest’ultimo, sarebbe bello poter liquidare la carneficina di Charlie Hebdo come un gesto isolato di alcuni squilibrati. Sarebbe bello, ma non è realistico, perché l’Islam contemporaneo soffre di un evidente problema con la violenza, sia verso i non musulmani sia al proprio interno: Nigeria, Mali, Kenya, Somalia, Egitto, Siria, Iraq, Yemen, Afghanistan e Pakistan sono solo alcuni dei Paesi a forte presenza islamica che negli ultimi anni hanno conosciuto stragi di matrice jihadista. Se Parigi fa orrore, ricordiamoci di Peshawar, quando nemmeno un mese fa le maestre furono bruciate vive davanti ai loro allievi, o dell'offensiva di Boko Haram in Nigeria, che ha ricevuto scarsa copertura in Occidente a causa della concomitanza con i fatti di Charlie Hebdo, ma che ha lasciato sul terreno più di 2000 vittime, arrivando a utilizzare anche delle bambine kamikaze.

In diversi ambienti musulmani, fino a non molto fa, si ricorreva spesso a una scorciatoia retorica per evitare di fare i conti con l’inquietante realtà del radicalismo violento: presentare queste azioni come una risposta, certo estrema ma in fondo legittima, a un’aggressione precedente. Da qui l’idea, tuttora molto diffusa in alcuni Paesi, che sia l’Islam a essere sotto attacco, per cui il jihadista sarebbe un resistente o in alternativa un agente provocatore del nemico.

Eppure questi tentativi autoassolutori, che sono comparsi anche in occasione degli ultimi fatti, appaiono sempre meno credibili. Prima di tutto per il ripetersi delle stragi a un ritmo sempre più ravvicinato. Se è vero che la violenza, una volta innescata, tende a riprodursi come un virus contagioso, si può purtroppo presumere che il fenomeno continuerà a crescere d’intensità, fino a raggiungere il parossismo di una crisi (Ci siamo già arrivati? Questa è la vera domanda), che dovrà per forza avviarsi a una soluzione. Del resto sono già oggi molti i musulmani che parlano apertamente di una crisi o, come ha fatto Ridwan al-Sayyid su al-Sharq al-Awsat del settembre scorso, di una malattia contagiosa, quella dell’estremismo, che IS e i suoi analoghi rendono manifesta. «La religione – osserva lucidamente il pensatore libanese – illudendosi di realizzare se stessa [per questa via], viene assorbita dalla lotta per il potere, si parcellizza e collassa». La globalizzazione delle informazioni fa il resto, riduce i coni d’ombra e getta una luce impietosa sui nudi fatti, al limite della spettacolarizzazione.

E tuttavia il senso profondo del travaglio che investe oggi il mondo musulmano non è probabilmente comprensibile se si dimentica il contesto globale in cui esso è ormai inserito e in particolare il confronto, inevitabile, con il Cristianesimo. L’abbandono della logica della violenza sacrale, iniziato dall’evento di Cristo, raggiunge proprio in questo secolo, dalle guerre mondiali in avanti, una chiarezza cristallina nel magistero (pensiamo solo agli ultimi interventi di Papa Francesco) e nella testimonianza disarmata di tanti martiri. Non è irragionevole ipotizzare che questa accresciuta consapevolezza inizi a porsi, come provocazione, anche per le altre tradizioni religiose. Suscita un duplice movimento, di accoglienza e di rifiuto. Indifferenti non può lasciare.
Si può perciò prevedere che anche nel mondo musulmano la polarizzazione a favore o contro la violenza in nome di Dio tenderà ad accentuarsi. La zona grigia della religiosità arcaica si restringe e la scelta tra un autentico senso religioso e una fede ridotta a ideologia non è più rinviabile.

*Questo articolo è stato pubblicato dal quotidiano Avvenire il 9 gennaio 2015.

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato

Autorizzo l’utilizzo dei miei dati dopo aver letto e accettato le condizioni di utilizzo del servizio ai sensi della D.LGS. 196/2003

Per approfondimenti e analisi abbonati alla nostra rivista semestrale