close_menu
close-popup
image-popup

Lingue disponibili:
close-popup
Paypal
Carta di credito
donazioni
Religione e società

Il visir e il vescovo a tu per tu sulla Trinità

Il testo del dialogo appassionato e senza sconti tra Abû l-Qâsim al-Maghribî ed Elia, monaco e vescovo di Nisibi, illustra il ruolo prezioso di mediazione svolto dai teologi e filosofi cristiani d'Oriente, capaci di spiegare la loro fede anche ricorrendo al linguaggio dell'Islam

A colui che è sincero nel suo credo e nella sua religione, a colui che spende con larghezza la vita terrena alla ricerca dell’altra, al fratello grande e illustre, favorito da Dio, Abû l-‘Alâ’ Sâ‘id Ibn Sahl[1] (che Iddio ne prolunghi la vita e continui a donargli forza e sostegno, felicità e successo!) da parte del peccatore Elia, servo della chiesa di nostro Signore a Nisibi.

Ti invio il saluto della pace ricordandoti in modo speciale nelle mie preghiere e supplicando l’Altissimo di conservarti sano e sicuro dai mali. Ti avevo inviato (che Iddio continui a custodirti!) il mio scritto in cui ti riferivo come si erano svolti i dialoghi che avevo avuto in presenza del visir Abû l-Qâsim Ibn ‘Alî al-Maghribî – che Iddio ne abbia misericordia[2]. Vi avevo annotato in termini generali quanto era accaduto in ognuno di essi, per poi spiegartelo nel dettaglio quando fosse stato possibile, perché tu potessi prenderne conoscenza, essendomi ben noto il tuo ardente desiderio in questo senso. Dal momento però che questo non è ancora avvenuto, per un motivo a te non ignoto, ti spiegherò ora in questa lettera che cosa accadde in ciascun dialogo, così che tu possa prenderne conoscenza, secondo la volontà dell’Altissimo.


Per continuare a leggere questo articolo di Oasis è necessario acquistare la rivista o abbonarsi.


[1] Si tratta del fratello maggiore di Elia.

[2] La formula si applica in genere ai defunti e in effetti, quando Elia scrive questa introduzione al fratello, il visir è già morto.

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato

Autorizzo l’utilizzo dei miei dati dopo aver letto e accettato le condizioni di utilizzo del servizio ai sensi della D.LGS. 196/2003

Per approfondimenti e analisi abbonati alla nostra rivista semestrale