/application/files/3115/0876/9556/oasis_6b5ef2564a9614e8d571ea15db3ee07f.jpg
close_menu
close-popup
image-popup

Lingue disponibili:
close-popup
Paypal
Carta di credito
donazioni
Rassegna stampa

Kenya, Al Shabaab attacca campus universitario: 15 morti

Cinque persone armate sono penetrate nell’università di Garissa. Almeno sessanta i feriti

Almeno 15 morti e 60 feriti è il bilancio ancora parziale dell’assalto all’Università di Garissa, in Kenya, da parte di un commando di Al Shabaab, i miliziani jihadisti somali. I terroristi sono penetrati nel campus del «Garissa University College» poco prima dell’alta, alle 5,30 del mattino, quando gran parte degli studenti stavano dormendo, hanno fatto fuoco contro le guardie di sorveglianza ed hanno quindi iniziato a sparare in più direzioni.

Testimoni parlano di almeno cinque uomini mascherati, armati di mitra, che avrebbero preso anche degli ostaggi. Polizie e forze di sicurezza del Kenya hanno circondato l’ateneo, attaccando i terroristi da più direzioni. Fra i feriti vi sarebbero almeno due agenti e diversi studenti ma testimoni oculari hanno parlato al cellulare con tv e radio del Kenya affermando che “dentro gli edifici dell’ateneo vi sono molte vittime”. I sospetti delle forze di sicurezza kenyote si indirizzano sugli shebab somali che spesso hanno attaccato la regione di Garissa, nel Nord-Est del Paese. L’ateneo si trova a 150 km dal confine con la Somalia ed è frequentato da circa 900 studenti, inclusi molti somali immigrati in Kenya. L’assalto all’ateneo è il più grave attacco terroristico avvenuto in Kenya dal 2013 quando proprio gli Shabaab assaltarono lo shopping center «Westgate» a Nairobi, uccidendo 67 persone.

La Stampa

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato

Autorizzo l’utilizzo dei miei dati dopo aver letto e accettato le condizioni di utilizzo del servizio ai sensi della D.LGS. 196/2003

For insights and analysis subscribe to our biannual journal