/application/files/7715/0876/9629/oasis_db53db615dd3ced6ddbd615fd0c7a06a.jpg
close_menu
close-popup
image-popup

Lingue disponibili:
close-popup
Paypal
Carta di credito
donazioni
Rassegna stampa

Libano, parla Nasrallah: “Fermeremo Isis”

Lo sceicco del partito di Dio filo-iraniano descrive lo Stato Islamico come il maggiore pericolo che Hezbollah si sia trovata a combattere: “Chi, se non noi, può difendere il Libano e la Siria? Non certo la coalizione guidata dagli Stati Uniti”.

“Isis è una minaccia esistenziale per il Libano e per Hezbollah”: è lo sceicco del partito di Dio filo-iraniano, Hassan Nasrallah, a descrivere lo Stato Islamico come il maggiore pericolo che la sua organizzazione si sia trovata a combattere. Il discorso è stato pronunciato a Beirut in una località segreta e trasmesso nelle piazze del quartiere di Dahie, roccaforte di Hezbollah, su megaschermi in coincidenza con il quindicesimo anniversario del ritiro israeliano dal Libano del Sud. “Isis è una minaccia esistenziale, senza precedenti, per noi e siamo pronti ad affrontarla con tutte le risorse necessarie - ha detto Nasrallah - perché nessun altro può difendere il Libano e la Siria, non certo la coalizione guidata dagli Stati Uniti”.

“La nostra presenza crescerà ove necessario - ha aggiunto - faremo ciò che serve, siamo noi gli uomini per sconfiggerli”. Hezbollah è impegnato da inizio maggio in una aspra battaglia sui monti Qalamun, fra Siria e Libano, contro lo Stato Islamico e sebbene affermi di aver eliminato “centinaia di terroristi” i jihadisti sunniti continuano a minacciare la valle della Bekaa. È dal 2013 che Hezbollah impegna propri uomini in Siria per difendere il traballante regime di Bashar Assad. Valutazioni occidentali stimano in almeno 5000 i miliziani sciiti libanesi presenti in Siria, costituendo i reparti meglio addestrati ed armati a sostegno di Assad. Le recenti sconfitte del regime a Idlib nel Nord, Daraa nel Sud e Palmira nel Nord-Est hanno fatto apparire Assad più vulnerabile e Isis in grado di controllare metà della Siria. Da qui il discorso di Narsallah che preannuncia un ancor maggiore impegno di Hezbollah, anche dentro il Libano, contro Isis.

La Stampa

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato

Autorizzo l’utilizzo dei miei dati dopo aver letto e accettato le condizioni di utilizzo del servizio ai sensi della D.LGS. 196/2003

Per approfondimenti e analisi abbonati alla nostra rivista semestrale