Rassegna stampa > 2017 > Iran: che cosa significano le elezioni di domani per la regione

Iran: che cosa significano le elezioni di domani per la regione

Rassegne stampa del 18/05/2017

Dalla stampa italiana

L’alleanza fra moderati e riformisti. “Rohani ha aperto l’Iran al mondo”. Ultimo comizio del presidente a caccia dei voti dell’Onda Verde, ne scrive Claudio Gallo per La Stampa da Theran.

I giochi mediorientali del triangolo Trump-Erdogan-Putin, un'analisi di Alberto Negri sul Sole 24 Ore fa il punto sulle intese tra Russia, Stati Uniti e Turchia sul dossier siriano.

Quindi sembra che Trump abbia bruciato una fonte di Israele. Le informazioni riservate che ha dato alla Russia riguarderebbero una spia infiltrata nello Stato Islamico: con quali conseguenze? Una scheda del Post per capire come intelligence su quello che arriva dal Medio Oriente siano al centro dell'ultimo guaio della Casa Bianca.

Dalla stampa anglofona

Domani, gli iraniani vanno a votare in elezioni presidenziali per riconfermare l'attuale leader OHassan Rouhani o per sostituirlo con candidati di una corrente populista, come accade in molti altri Paesi del mondo, scrive Reuters.

Il New Yorker propone un ritratto di Zainab Ahma, avvocato che ha seguito i casi di 13 terroristi internazionali sospettati dal governo americani.

Tra poche per il presidente americano sarà in Arabia Saudita dove terrà un discorso sull'Islam. Per gli esperti interrogati dal Washington Post Trump sta entrando in un terreno molto scivoloso, un'impresa difficile anche per gli oratori più fini.

Dalla stampa francofona

A pochi giorni dalle elezioni presidenziali in Iran, Le Point pubblica un reportage di Armin Arefi, inviato speciale a Teheran, dove le strade sono piene di sostenitori del candidato conservatore Ebrahim Raisi.

Terrorismo, stato d'urgenza, crisi migratoria e Islam: ecco le questioni che Gérard Collomb, nuovo ministro degli Interni, dovrà affrontare nel suo mandato. Le Monde propone un'analisi di queste tematiche.

Il presidente degli stati Uniti Donald Trump è stato accusato di aver tentato di insabbiare un'inchiesta dell'FBI sui rapporti tra la Russia e Michael Flynn, il nuovo consigliere alla sicurezza nazionale da lui scelto (Le Point).

Oggi il presidente francese Emmanuel Macron è atteso in Mali per visitare le truppe francesi in lotta contro il terrorismo. I suoi prossimi appuntamenti saranno il vertice della NATO a Bruxelles e il G7 in Sicilia. Su La Croix un quadro di quel che lo attende.

©2016 Fondazione Internazionale Oasis C.F. 94068840274 - email: oasis@fondazioneoasis.org - Privacy Policy - Credits