/application/files/4515/0876/9563/oasis_fd8b4f45d03ca0d71a5babb248e25bae.jpg
close_menu
close-popup
image-popup

Lingue disponibili:
close-popup
Paypal
Carta di credito
donazioni
Rassegna stampa

Tikrit, scoperte fosse comuni dell’Isis: “Potrebbero esserci 1700 iracheni morti”

«Una scena straziante». I jihadisti hanno detto di averli uccisi a giugno

Dieci o dodici fosse comuni sono state rinvenute a Tikrit e sarebbero in grado di contenere fino a 1.700 corpi, ovvero i soldati iracheni che l’Isis sostiene di aver ucciso lo scorso giugno. Al momento - secondo indiscrezioni riportate da Al Jazeera - i corpi rinvenuti sono 20 ma gli scavi sono solo all’inizio e il bilancio sarebbe destinato a salire.

«Abbiamo scavato nelle prima fossa e finora abbiamo rinvenuto 20 corpi. Le indicazioni iniziali mostrano in modo indiscutibile che si tratta delle vittime del campo Speicher», luogo del massacro dello scorso anno, afferma un esponente del team forense inviato a Tikrit, sottolineando che «la scena che ci siamo trovati davanti era straziante. Chi può uccidere 1.700 persone a sangue freddo?». Il primo ministro iracheno, Haider al Abadi, ritiene che la vendetta non sia la strada per gestire la scoperta dei copri. Le famiglie di soldati scomparsi hanno chiesto risposte dal governo iracheno su cosa succede.

Secondo un rapporto dell’Onu diffuso lo scorso mese, circa «1.500-1.700 membri dell’esercito iracheno da Camp Speicher sono stati sommariamente uccisi il 12 giugno dall’Isis, presumibilmente dopo essere stati catturati o uccisi». Human Right Watch descrive il “massacro di Speicher” come il maggiore incidente riportato dove l’Isis ha «catturato più di 1.000 soldati e ne ha eseguiti almeno 800».
I corpi rivenuti sarebbero in stato di decomposizione. I resti sono stati inviati a Baghdad per l’esame del Dna, che ne stabilirà l’identità. Le fosse, secondo le ricostruzioni, si troverebbero all’interno del palazzo presidenziale, che contiene i resti dell’ex presidente Saddam Hussein, e in altre due siti fuori città.

La Stampa

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato

Autorizzo l’utilizzo dei miei dati dopo aver letto e accettato le condizioni di utilizzo del servizio ai sensi della D.LGS. 196/2003

For insights and analysis subscribe to our biannual journal