/application/files/2215/0876/9465/oasis_c5c4bd12f8ed65f5340da93d8266d128.jpg
close_menu
close-popup
image-popup

Lingue disponibili:
close-popup
Paypal
Carta di credito
donazioni
Rassegna stampa

Venti di guerra Israele-Hezbollah sul Golan

L’attacco dei miliziani islamisti: due soldati morti e sette feriti. Netanyahu risponde con le bombe sul sud del Libano

È di due soldati israeliani morti e 7 feriti il bilancio dell’attacco Hezbollah contro un convoglio militare che transitava nell’area del Mt Dov, ai confini fra Libano, Siria e Israele. Israele ha risposto con l’artiglieria bersagliando posizioni Hezbollah in Libano del Sud, a Majidiyeh, Abbasiyeh e Kfar Chouba vicino alle Shebaa Farms.

La milizia libanese filo-iraniana di Hezbollah lancia colpi di mortaio verso i centri civili israeliani a ridosso del confine libanese. In più località, cittadine e kibbutzim, sono suonate le sirene d’allarme. Chiusi gli aeroporti di Haifa e Rosh Pina. Gli scontri continuano ed hanno causato nel Libano del Sud la morte di un casco blu dell’Onu, di nazionalità spagnola. Secondo “Haaretz” sarebbe stato ucciso dal fuoco israeliano.

Il premier israeliano Benjamin Netanyahu minaccia una «risposta durissima»: «Suggerisco ad Hezbollah di guardare a cosa è avvenuto a Gaza questa estate per comprendere cosa sta rischiando». Per il ministro degli Esteri Avigdor Lieberman la risposta contro Hezbollah deve essere «di violenza sproporzionata».

Nella notte scorsa vi è stato un blitz aereo israeliano in Siria contro postazioni militari governative ed Hezbollah, in risposta al lancio di razzi da 107 mm dalla Siria verso Israele. Gli aerei di Gerusalemme hanno bersagliato obiettivi sotto il controllo delle forze siriane del presidente Bashar Assad. Fonti di stampa libanesi affermano che i raid aerei israeliani hanno avuto per obiettivo l’artiglieria della 90ma brigata dell’esercito siriano e, secondo l’opposizione siriana, si tratterebbe di “unità governative legate agli Hezbollah. Batterie dell’Iron Dome - le unità che intercettano razzi in arrivo - sono state posizionate nel Nord della Galilea.

La scorsa settimana un attacco di elicotteri israeliani nei pressi di Quneitra ha eliminato Jihad Mughniyeh, capo delle operazioni di Hebollah sul Golan siriano, assieme ad altri cinque miliziani libanesi ed a sei militari iraniani, incluso un generale.

La Stampa

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato

Autorizzo l’utilizzo dei miei dati dopo aver letto e accettato le condizioni di utilizzo del servizio ai sensi della D.LGS. 196/2003

For insights and analysis subscribe to our biannual journal