close_menu
close-popup
image-popup

Lingue disponibili:
close-popup
Paypal
Carta di credito
dona
Cristiani nel mondo musulmano

Ai nostri amici delle basi della regione di Hassi Messaud

Lettera di Sua Eccellenza Claude Rault Vescovo di Laghouat-Ghardaia, Algeria, alle famiglie e agli ostaggi della base di In Amenas.

Cari amici

 

 

In segno di profonda solidarietà con voi, in questa prova che colpisce gli operai della base di In Amenas desidero dirvi la mia profonda vicinanza e anche il sostegno della mia preghiera e di quella di tutti i membri della nostra diocesi.

 

 

Certamente tra le vittime di questa violenza intollerabile voi avete delle conoscenze e degli amici e questo crea inquietudine in voi e in chi è venuto a vivere in questa regione.

 

 

Penso prima di tutto agli ostaggi che vivono nell’angoscia e nella paura e alle loro famiglie.

 

 

Vorrei poter dire loro come li accompagniamo in questa sofferenza con la nostra amicizia e la nostra preghiera. In quest’ora le notizie che ci giungono sono ancora frammentarie e la prudenza è necessaria per non intralciare l’azione di coloro che cercano di liberare gli ostaggi.

 

 

Parecchi hanno già perso la vita. Alle loro famiglie e ai loro vicini vorrei esprimere la mia profonda simpatia, specialmente alle loro spose e ai loro figli. Questa violenza non ha nome, è cieca, inaccettabile, ingiustificabile perché tocca degli innocenti.Cosa fare davanti a questa aggressione?

 

 

     

  • Anzitutto riprovarla con tutta la forza delle nostre convinzioni umane e religiose. Dio non vuole la violenza. Non può esserne sorgente e giustificazione. Non facciamo quindi ricadere sui nostri amici musulmani il peso di tali misfatti. Anche loro fanno parte delle vittime.
  •  

  • E pregare il nostro Dio della Pace che venga a guarire le piaghe vive di chi è nel dolore e nella pena. Che accolga a sé le vittime e rimetta sul retto cammino chi pensa di onoralo commettendo tali orrori.A nome di tutta la comunità cattolica del Sahara Algerino, siate sicuri della nostra profonda compassione e della nostra preghiera per le vittime e per venuta della Pace in tutta questa regione colpita dalla violenza.
  •  

 

17 gennaio 2013

 

 

Claude Rault Vescovo di Laghouat-Ghardaia

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato

Autorizzo l'uso di dati dopo aver accettato la privacy-policy

Per approfondimenti e analisi abbonati alla nostra rivista semestrale