close_menu
close-popup
image-popup

Lingue disponibili:
close-popup
Paypal
Carta di credito
abbonati
Rassegna stampa

La Russia dice di aver ucciso il "califfo" di ISIS

Rassegna stampa 16/06/2017

Dalla stampa italiana

 

 

Il ministero della Difesa russo dice che il "califfo" di ISIS al-Baghdadi sarebbe stato ucciso in un raid a Raqqa a fine maggio. Il capo della diplomazia Lavrov parla di notizia non confermata. Il "califfo" di ISIS è stato dato per morto altre volte, è comparso in pubblico soltanto una volta dal 2014. Chi è il "califfo" invisibile, davvero basta ucciderlo per sconfiggere il jihadismo?, si chiede il Corriere della Sera.

 

 

Se la notizia della morte di al-Baghdadi forsse confermata, sarebbe un colpo importante per Mosca ma non significherebbe la fine della guerra in Siria, scrive Alberto Negri sul Sole 24 Ore.

 

 

Ma il Qatar, lo finanzia davvero il terrorismo? Elena Zacchetti sul Post spiega perché non c'è una risposta semplice a questa domanda.

 

 

Dalla stampa francofona

 

 

Crisi del Golfo: perché l'emiro del Qatar resta inflessibile. Il sovrano di 37 anni resta muta dopo la messa al bando del suo Paese da parte dell'Arabia Saudita e degli Emirati che l'accusano di sostegno al terrorismo (Le Monde).

 

 

La Francia sostiene la formazione di una forza congiunta anti-jihadista nel Sahel per i Paesi della regione e ha fiducia nell'appoggio delle Nazioni Unite (EuroNews)

 

 

Perché la Francia vuole mediare tra Qatar e Abu Dhabi (L'Express)

 

 

Dalla stampa anglofona

 

 

Un rifugiato siriano che sognava di ricostruire il suo Paese è una delle prime vittime accertate dell'incendio alla Grenfell Tower di Londra. Mohammad Alhajali, 23 anni, studiava ingegneria civile e sperava di tornare presto in Siria per ricominciare da zero, ha raccontato un suo amico a BuzzFeed News.

 

 

Why migration from west Africa is slowing. West Africans now realise that migrating to Europe is not easy—but for some the appeal will never fade (the Economist - Paywall).

 

 

La crisi del Golfo secondo Bloomberg espone la fragilità del Qatar. Il soft power del ricco emirato non è mai sembrato così debole come nella terza settimana di isolamento dal resto della regione.

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato

Per approfondimenti e analisi abbonati alla nostra rivista semestrale