close_menu
close-popup
image-popup

Lingue disponibili:
close-popup
Paypal
Carta di credito
abbonati
Religione e società

Malaysia: Divieto di pubblicazione del settimanale cattolico the Herald

Osservatore Romano

Fonte

 

: Osservatore Romano,

 

5-6 gennaio 2009

 

Kuala Lumpur, 5. Divieto di stampare l'edizione in lingua malese per «The Herald», il più diffuso settimanale cattolico in Malaysia. L'ordine è arrivato dal ministero degli Interni di questa nazione a maggioranza musulmana. Nell'ingiunzione si specifica che in mancanza di osservanza del divieto, il direttore responsabile della pubblicazione, padre Lawrence Andrews, sarà sottoposto al giudizio di un tribunale.

 

Secondo il sacerdote cattolico, con il divieto di pubblicazione si vuole impedire che il termine «Allah» sia usato per indicare Dio dal settimanale in lingua malese. Per i funzionari del ministero degli Interni a Kuala Lumpur «Allah» può indicare la divinità solo per i musulmani. Tuttavia nella lingua malese non esiste altro termine che abbia lo stesso significato. Per padre Lawrence il divieto di pubblicazione imposto all'edizione in malese del suo settimanale viola palesemente la libertà d'espressione e di parola che è invece garantita dalla Costituzione. Quindi l'ingiunzione arrivata al settimanale è per padre Lawrence Andrews irrazionale, irragionevole e illegale.

 

Per «The Herald» si pone un problema di comunicazione con i lettori, principalmente con quelli del Borneo dove il cinquanta per cento della popolazione è cattolica. Qui la lingua parlata dalla quasi totalità della popolazione è la lingua malese che viene insegnata nelle scuole pubbliche statali. In questa regione della Malaysia solo pochi cattolici conoscono l'inglese o il mandarino oppure il tamil che sono le altre tre lingue in cui si stampa il settimanale cattolico.

 

Circa il tre per cento della popolazione in Malaysia aderisce alla Chiesa cattolica e i fedeli sono oltre ottocentocinquantamila distribuiti nelle tre arcidiocesi di Kuala Lumpur, Kuching e Kota Kinabalu e nelle sei diocesi di Melaka-Johor, Penang, Miri, Sibu, Keningau, Sandakan.

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato

Per approfondimenti e analisi abbonati alla nostra rivista semestrale