close_menu
close-popup
image-popup

Lingue disponibili:
close-popup
Paypal
Carta di credito
abbonati
Rassegna stampa

Rassegna stampa del 2 settembre 2016

Notizie e commenti dall'Italia e dall'estero

Dalla stampa italiana

 

 

Almeno 12 persone sono morte e altre 52 sono rimaste ferite per l'esplosione di due bombe fuori un tribunale a Mardan, nella provincia di Khyber Pakhtunkhwa in Pakistan. I talebani hanno anche tentato l'assalto a un quartiere cristiano di Peshawar (Repubblica).

 

 

Il Corriere della Sera pubblica una recensione dell'ultimo libro dello scrittore libico Hisham Matar. In The Return, l'autore racconta la storia di suo padre, ex ambasciatore all'ONU, scomparso dal 1996 nelle carceri libiche di Gheddafi.

 

 

Continuano i reportage di Francesco Semprini da Sirte, Libia. L'articolo di oggi su La Stampa è dedicato al gruppo di combattenti tunisini che da Sirte aveva il compito, per conto di Isis, di mandare jihadisti in Italia. Sempre su La Stampa Mariano Alberto Vignali ha intervistato il contrammiraglio Maffeis che ha illustrato quali sono le attività svolte dalla Marina italiana con l'operazione "Mare sicuro" che si svolge tra la Sicilia e le coste libiche.

 

 

Dalla stampa anglofona

 

 

Fehim Taştekin su Al-Monitor si chiede se la Turchia, con l'operazione Scudo dell'Eufrate, si stia andando a cacciare in una "trappola siriana", un contesto dove non si capisce chi combatte chi e dove le alleanze cambiano frequentemente. Esemplificativo, scrive il giornalista turco, il caso dei turkmeni di Jarablus: a lungo ritenuti una carta da giocare a proprio vantaggio da Ankara e che invece in questi giorni si sono opposti all'ingresso turco nel paese.

 

 

Dodicimila anni di storia turca rischiano di scomparire: quando sarà completa la diga di Hasankeyf, ora all'80 percento, il paese che ospita siti archeologici risalenti all'epoca del Neolitico verrà completamente allagato. Il New York Times pubblica un foto-reportage di Tim Arango da Hasankeyf.

 

 

Il posto di Al-Adnani, recentemente ucciso, sarà probabilmente preso, scrive la BBC, dal saudita Abu Muhammad al-Shimali. Hassan Hassan si chiede se lo Stato Islamico riuscirà a sopravvivere alla continua uccisione dei suoi leader. Di sicuro, scrive, la guerra contro Isis sarà lunga.

 

 

Dalla stampa francofona

 

 

Si è tenuta a fine agosto la ventisettesima riunione della Lega Araba. All'ordine del giorno temi scottanti come il terrorismo e la liberalizzazione del mercato tra i Paesi arabi. Tuttavia, si sono presentati soltanto 6 dei 22 Paesi membri e Omar Benbekhti si chiede su Imapct 24 che senso abbia oggi una Lega Araba tale.

 

 

Aumentano le tensioni tra Marocco, che sta ampliando le infrastrutture nel Sud del Paese per collegarsi a quelle mauritane, e il Fronte Polisario, che cerca di impedirlo. Le Desk spiega la situazione.

 

 

Sayyid Qutb è l'uomo che ha pensato il jihadismo, titola Slate. Chi era, e come si è sviluppato il suo pensiero?

 

 

Oggi e domani si svolgerà il vertice dell'Unione Europea in Slovacchia. Per Géopolis questo Paese è un simbolo delle tensioni interne all'Unione, in particolare per la questione rifugiati.

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato

Per approfondimenti e analisi abbonati alla nostra rivista semestrale