close_menu
close-popup
image-popup

Lingue disponibili:
close-popup
Paypal
Carta di credito
abbonati
Rassegna stampa

Rassegna stampa del 20 gennaio 2017

Notizie e commenti dall'Italia e dall'estero

Dalla stampa italiana

 

 

Marta Serafini (Corriere della Sera) si sofferma sul contenuto di un documento di Isis intercettato dai servizi segreti statunitensi a nord di Aleppo da uno sfollato che proveniva da Mosul. Nel documento i vertici di Isis "spiegano chiaramente come l’assedio [della città] non possa essere il pretesto per violare le leggi coraniche e abbandonarsi a comportamenti immorali".

 

 

Aylin Nazliaka, deputata indipendente dell'opposizione al Parlamento turco, si è ammanettata al microfono dell'aula per protestare contro la riforma presidenziale voluta da Erdogan. Ne parla Marco Ansaldo su Repubblica nel suo collegamento (audio).

 

 

Francesca Paci su La Stampa si sofferma sul caso che ha investito l'egiziano Mohamed Aboutreika, "l’ex leggendario centrocampista che i connazionali considerano la versione araba di Totti". Aboutreika è stato inserito dalla Corte d’Assise del Cairo in una lista nera di terroristi e filo-terroristi con l'accusa di aver finanziato i Fratelli Musulmani. Francesca Paci sottolinea che "il rapporto tra politica e sport ha origini antiche in Egitto. Ma la consacrazione avviene nel 2011 quando sulle barricate di piazza Tahrir sono proprio le tifoserie calcistiche soprattutto dell’Adly a organizzare la resistenza contro i blindati di Mubarak, un servizio d’ordine della prima ora che precede quello garantito poi dalla Fratellanza Musulmana".

 

 

Tonia Mastrobuoni (Repubblica) ha intervistato Negin Khpolwak, direttrice dell'orchestra Zohra, la prima femminile dell'Afghanistan: "tanti vorrebbero richiuderci nelle case, impedirci di fare musica. Io invece voglio dimostrare ogni giorno che le donne afghane possono fare tutto".

 

 

Dalla stampa francofona

 

 

Abdelilah Benkirane, capo del governo marocchino, si è espresso sui contenuti dei nuovi manuali scolastici religiosi. La riforma dell'educazione religiosa in Marocco, spiega Tel Quel, è stata molto criticata da professori di diverse materie. Ecco cosa ha detto il politico.

 

 

La radicalizzazione è argomento ridondante sulla stampa degli ultimi due anni, specialmente dopo i recenti attentati in Francia e in Belgio. Tuttavia, anni fa si registravano già dei casi di persone convertitesi all'estremismo islamista. Slate riporta la storia di tre uomini, legati ad al-Qaeda e tuttora ricercati, radicalizzati in Spagna negli anni Ottanta.

 

 

Un attentato ha colpito mercoledì il nord del Mali. Liberté Algérie approfondisce il ruolo dell'Algeria nel Paese, citando l'accordo firmato tra i due Stati proprio allo scopo di mantenere la pace e la sicurezza.

 

 

L'Arabia Saudita ha chiesto di partecipare ai negoziati per la pace in Siria contro lo Stato Islamico. I negoziati si terranno a partire da lunedì nella capitale kazaka Astana e saranno guidati da Russia e Turchia. Secondo Atlantico, però, lo Stato Islamico è l'ultimo dei problemi di Ryadh.

 

 

Dalla stampa anglofona

 

 

Dopo la visita del generale libico Khalifa Haftar a bordo della portaerei russa Ammiraglio Kuznetsov, Mohamed Eljarh su Al-Monitor analizza il ruolo che Mosca sta cercando di giocare nella crisi libica.

 

 

Secondo quanto scrive Brian Bennett sul Los Angeles Times la prima mossa di Donald Trump, dopo l'inaugurazione della sua presidenza che si terrà oggi a Washington, andrà nella direzione di contrastare l'immigrazione.

 

 

Dina Esfandiary e Ariane M. Tabatabai su Foreign Affairs si concentrano sul ruolo assunto nel Golfo Persico dal Sultanato dell'Oman. L'ingresso nell'Islamic Military Alliance to Fight Terrorism promosso dai sauditi fa parte della decennale politica di Muscat, che cerca di mantenere posizioni mediane tra Iran e Arabia Saudita.

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato

Per approfondimenti e analisi abbonati alla nostra rivista semestrale