close_menu
close-popup
image-popup

Lingue disponibili:
close-popup
Paypal
Carta di credito
dona
Rassegna stampa

Rassegna stampa del 24 maggio 2016

Notizie e commenti dall'Italia e dall'estero

Dalla stampa italiana

 

 

Austria: l'ecologista Alexander Van der Bellen ha vinto le elezioni contro il candidato di destra Norbert Hofer. Cesare Martinetti su La Stampa commenta l'esito delle elezioni: "nel cuore dell’Europa c’è ora un Paese spaccato in due sul tema più drammatico: gli stranieri, i migranti, i rapporti con l’altro".

 

 

Sabato sera due missili hanno colpito il Collegio di Terra Santa ad Aleppo, causando un morto e due feriti gravi (sarebbero tutte e tre donne) tra le persone anziane che si erano rifugiate in questo luogo. La Custodia di Terra Santa ribadisce che il bombardamento non provocherà la partenza dei religiosi (Avvenire).

 

 

Durante il bilaterale tra Angela Merkel e Recep Tayyp Erdogan a Istanbul, la Cancelliera si è rivolta alla controparte dicendo che "la Turchia ha bisogno di un Parlamento forte" e si detta preoccupata per lo stato della democrazia in Turchia (Repubblica). "La Turchia sta entrando in una nuova era in cui il dominio assoluto del presidente si sta consolidando a spese della democrazia", scrive Alberto Negri sul Sole 24 Ore.

 

 

La polizia greca ha dato il via all'operazione per sgomberare gradualmente il campo profughi di Idomeni, il più grande del Paese. Nel campo, nato a febbraio e situato al confine con la Macedonia, hanno trovato rifugio oltre 8.400 persone (Corriere della Sera).

 

 

Papa Francesco ha incontrato il grande imam di Al Azhar Ahmad Muhammad Al-Tayyib. Su La Stampa Andrea Tornielli racconta l'incontro tra i due leader.

 

 

Dalla stampa francofona

 

 

Un video diffuso dalla televisione siriana, e ripreso da L'Obs, mostra le immagini della distruzione causata dagli attentati multipli che hanno ucciso 148 persone in due città della Siria. Le sette esplosioni sono state rivendicate dallo Stato Islamico.

 

 

Si apre la seconda giornata del Summit mondiale umanitario a Istanbul. L'obiettivo, scrive France 24, è quello di migliorare la risposta alla crisi umanitaria, causata dai conflitti e dal riscaldamento globale.

 

 

Un centinaio di personalità riunite in Libano lanciano un appello ai "moderati" intorno al Mediterraneo, "coscienti del valore inestimabile del modello pluralista di vivere insieme che i popoli del bacino mediterraneo hanno saputo attuare" (L'Orient le Jour).

 

 

Alcuni giornalisti di Le Figaro sono andati ad incontrare i rifugiati lungo la rotta dei Balcani. Tra coloro che tentano di proseguire verso la meta e chi si è rassegnato e cerca di affrontare la situazione.

 

 

Dalla stampa anglofona

 

 

Dopo la nomina di Binali Yildirim a nuovo Primo ministro turco, il presidente Erdogan è sempre più vicino al presidenzialismo. Semih Idiz, Al-Monitor, spiega come la sua autorità è molto vicina all'essere "totale".

 

 

Ieri si sono incontrati in Vaticano Papa Francesco e l'imam della moschea egiziana di Al-Azhar, Ahmed Al-Tayyib. Lo storico incontro, dopo cinque anni di rottura dei rapporti, è simbolico, scrive il Washington Post, e ha lo scopo di essere un "messaggio".

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato

Autorizzo l'uso di dati dopo aver accettato la privacy-policy

Per approfondimenti e analisi abbonati alla nostra rivista semestrale