close_menu
close-popup
image-popup

Lingue disponibili:
close-popup
Paypal
Carta di credito
abbonati
Rassegna stampa

Rassegna stampa del 31 dicembre 2015

Notizie e commenti dall'Italia e dall'estero

Oasis ripropone gli articoli più letti del 2015 nel suo Best Of.

 

 

Il Corriere riporta il discorso di Obama alla Israel Conference on Peace di Haaretz: "la pace è necessaria, giusta e possibile".

 

 

La Stampa dedica un omaggio a Khaled al-Asaad, il custode di Palmira, morto per difendere la bellezza di un patrimonio culturale dalla violenza dello Stato Islamico per le generazioni future.

 

 

La guerra civile si complica in Afghanistan, dove, oltre alle forze governative e quelle americane che cercano di fermare l'avanzata dei talebani, si aggiungono le milizie estremiste dell'Isis e di al-Qaeda. Il quadro de Il Post.

 

 

Dalla stampa anglofona

 

 

Cosa direbbe Abdullah Ocalan, leader in prigione del PKK (curdi), sulla richiesta di autonomia in Turchia? Al-Monitor prova a rispondere - ma forse non sarebbe completamente d'accordo.

 

 

A fine 2015, il quadro della situazione della guerra in Siria proposto dal Washington Post.

 

 

Le Nazioni Unite si domandano quali gruppi coinvolti nella guerra in Siria siano classificabili come terroristi, per capire contro chi combattere nell'eventualità di una tregua (Reuters).

 

 

L'infografica pubblicata dal Washington Post mostra l'aumento della paura di attacchi terroristici negli Stati Uniti, da un sondaggio del Public Religion Research Institute.

 

 

Mali: una mostra fotografica per combattere il terrore (The Guardian).

 

 

Dalla stampa francofona

 

 

Il messaggio di auguri della cancelliera tedesca Angela Merkel per l'anno nuovo tocca il tema dell'accoglienza. Su Le Monde le sue parole: "accogliere e integrare tante persone è una chance per il domani".

 

 

Il reportage de Le Figaro premium sull'Armenia, dove gli Yazidi, perseguitati in Iraq, convivono in pace con i cristiani del Caucaso.

 

 

Le Point ha intervistato Nathalie Goulet, senatrice francese, che da gennaio inizierà un programma informativo sull'Islam in Francia.

 

 

Nasce in Marocco il Movimento salafita per la riforma politica, che ha per scopo, spiega TelQuel, quello di combattere l'estremismo.

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato

Per approfondimenti e analisi abbonati alla nostra rivista semestrale