close_menu
close-popup
image-popup

Lingue disponibili:
close-popup
Paypal
Carta di credito
dona
Rassegna stampa

Rassegna stampa del 5 dicembre 2016

Notizie e commenti dall'Italia e dall'estero

Dalla stampa italiana

 

 

Un video girato con un drone mostra ciò che resta dell'antica cittadina di Nimrud, capitale dell'impero assiro, conquistata e rasa al suolo dall'Isis nel 2014. Secondo quanto riporta il Direttorato per le Antichità iracheno oltre il 70 per cento dell'area è andato distrutto (Repubblica).

 

 

Il Corriere della Sera - Milano ricostruisce a partire dalle indagini dei carabinieri del ROS il percorso che ha portato una donna albanese residente a Lecco a recarsi in Siria per unirsi, assieme al figlio minore, ai combattenti di Isis.

 

 

"A Tripoli si chiedono se la nuova Casa Bianca [di Donald Trump] possa accettare lo spazio che l’Islam politico – anche quello non fanatico - s’è ritagliato in questi anni nella regione", scrive Francesco Battistini sul Corriere della Sera, riportando i timori del governo libico di Fayez Sarraj.

 

 

Luca Gambardella su Il Foglio descrive l'effetto sull'economia del Belgio degli attentati all'aeroporto di Zaventem: oltre al costo in vite umane, le esplosioni hanno causato la perdita di un terzo del PIL.

 

 

Dalla stampa francofona

 

 

Una moschea salafita nel paesino di Ecquevilly, Île-de-France, è stata chiusa dal prefetto del dipartimento con l'accusa di incitamento all'odio e alla violenza. I rappresentanti della comunità musulmana, riporta Le Figaro, contestano tale decisione.

 

 

Osama Abo Elezz è un chirurgo siriano, che è stato costretto a lasciare la città di Aleppo. L'Obs racconta la sua storia e riporta le sue affermazioni secondo cui se il regime prenderà la città, sarà la fine.

 

 

Un sondaggio condotto in Gran Bretagna su tremila musulmani mostra che la quasi totalità di essi (93 per cento) è affezionata al Paese. Tuttavia, l'analisi di Atlantico approfondisce anche la percezione che questa comunità ha dei gruppi terroristici islamici.

 

 

La Tunisia è sempre più affossata dalla crisi economica. Un'ondata di manifestazioni di contestazione sociale, scrive Liberté Algérie, si è scatenata negli ultimi giorni in seguito a un convegno internazionale sugli investimenti dal titolo "Tunisie 2020".

 

 

Dalla stampa anglofona

 

 

Dopo un inizio incalzante, l'offensiva contro lo Stato Islamico ha rallentato. Il Guardian scrive che la conquista di Mosul diventa sempre più difficile.

 

 

Alcuni documenti segreti sull'accordo nucleare tra Iran e Stati Uniti potrebbero essere resi pubblici in gennaio. Lo ha dichiarato un ufficiale della futura amministrazione Trump, scrive The Daily Beast.

 

 

L'approccio del prossimo presidente americano Donald Trump rispetto alla guerra in Siria sarà nettamente diverso da quello uscente Barack Obama, riporta il Wall Street Journal.

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato

Autorizzo l'uso di dati dopo aver accettato la privacy-policy

Per approfondimenti e analisi abbonati alla nostra rivista semestrale