close_menu
close-popup
image-popup

Lingue disponibili:
close-popup
Paypal
Carta di credito
abbonati
Rassegna stampa

Rassegna stampa del 7 ottobre 2016

Notizie e commenti dall'Italia e dall'estero

Dalla stampa italiana

 

 

Su Avvenire le foto dell'iniziativa che si è svolta ad Aleppo "Peace for the children": 200 bambini, cristiani e musulmani si sono ritrovati ieri nel convento di Terra Santa ad Aleppo ovest per chiedere la pace in Siria.

 

 

La presenza di circa 800/1000 miliziani di al-Nusra ad Aleppo Est è il pretesto per Mosca e Damasco per bombardare la parte orientale della città dove sono intrappolati 300.000 civili. Per questo, l'inviato ONU Staffan De Mistura si è rivolto direttamente agli jihadisti: "Se accetterete di lasciare la città vi accompagnerò, sono pronto ad accompagnarvi nella vostra uscita da Aleppo" (Repubblica).

 

 

I vescovi maroniti riuniti a Bkerké hanno voluto attirare l’attenzione dei vertici del Libano sulla gravità della situazione politica, economica, sociale, ecologica e morale del Paese. L’ex premier Saad Hariri sembra sul punto di sostenere Michel Aoun come presidente della Repubblica (AsiaNews).

 

 

I caschi blu dell’Onu sono accusati di essere rimasti chiusi nei propri uffici invece di uscire a proteggere i civili durante gli scontri tra governativi e ribelli esplosi a luglio a Juba, in Sud Sudan (Corriere della Sera).

 

 

Dalla stampa francofona

 

 

Si tengono oggi in Marocco le elezioni legislative. Il risultato delle votazioni rinnoverà la Camera dei Deputati, il nuovo Capo del Governo e i ministri. L'Usine Nouvelle riporta in cinque punti quanto c'è da sapere su questa tornata, la prima dopo il 2011.

 

Durante la campagna elettorale, gli islamisti del partito al governo, PJD (giustizia e sviluppo) si sono confrontati in particolare con un partito vicino al re, PAM (autenticità e modernità). Libération racconta in che modo sono visti questi due partit, in particolare il carismatico islamista uscente Abdelilah Benkirane.

 

Un altro partito in gioco è quello della sinistra democratica PSU (socialisti uniti), che ha fatto molto parlare di sè, riporta L'Obs, per via del suo segretario generale Nabila Mounib, una donna molto carismatica.

 

 

Il Parlamento inglese ha pubblicato un rapporto sull'intervento militare occidentale in Libia del 2011. Dopo aver considerato i resoconti di diplomatici e politici coinvolti, riporta Orient XXI, Londra fa un'autocritica sull'operato dei suoi decision makers, che si giustificano incolpando la mancanza di informazioni necessarie sul Paese.

 

 

Sempre Orient XXI fa oggi un approfondimento sulla Turchia, pubblicando una recensione al libro di Nicolas Cheviron e Jean-François Pérouse. Il libro, dal titolo "Erdogan, nuovo padre della Turchia?" mette in relazione il fondatore della Repubblica Mustafa Kemal e l'attuale indiscusso leader.

 

 

L'asse Mosca-Teheran è anche religioso, scrive La Croix. Al decimo incontro della Commissione per il dialogo interreligioso tra ortodossi e musulmani, a tema c'è stata "la ferma opposizione all'imposizione di norme laiche".

 

 

Dalla stampa anglofona

 

 

Il fronte che sostiene Bashar Assad, scrive Anne Bernard sul New York Times, è variegato e, quanto a differenze interne, assomiglia sempre più alla frastagliata opposizione.

 

 

Secondo l'Economist la rischiosa battaglia per riprendere Mosul può offrire una speranza per la convivenza pacifica in Iraq: stanno iniziando a formarsi alleanze tra esponenti di diverse appartenenze settarie, i politici iracheni sciiti vogliono mostrare di non essere solamente succubi dell'Iran, mentre i sunniti stanno abbandonando l'idea di riconquistare Baghdad, scrive il settimanale inglese.

 

 

Su Bloomberg domande e risposte sulle elezioni marocchine, definite un "test" per le politiche post-primavere arabe del Re Mohammed VI.

 

 

Hakim Almasmari e Angela Dewan (CNN) mostrano qual è la situazione dello Yemen, una "guerra dimenticata" dalla maggior parte dei media ma che sta causando una immane crisi umanitaria.

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato

Per approfondimenti e analisi abbonati alla nostra rivista semestrale