close_menu
close-popup
image-popup

Lingue disponibili:
close-popup
Paypal
Carta di credito
dona
Rassegna stampa

Rassegna stampa dell'11 maggio 2016

Notizie e commenti dall'Italia e dall'estero

Dalla stampa italiana

 

 

Su Repubblica, Marco Ansaldo risponde alla domanda: Può la Turchia entrare in Europa? Rimanendo in buoni rapporti con Ankara, bisogna trovare il modo di dialogare con il presidente turco Erdogan, senza dimenticare la libertà di stampa.

 

 

Tommaso Canetta, East Online, spiega a che punto è arrivata l'offensiva della coalizione guidata dagli Stati Uniti contro lo Stato Islamico: chi favorisce lo sradicamento di Isis e chi invece lo ostacola.

 

 

Non sono soltanto i cristiani gli obiettivi dei terroristi islamici in Pakistan. Domenica è stato ucciso Khurram Zaki, riporta Avvenire, musulmano sciita, uno dei maggiori attivisti per i diritti umani. Ma, fortunatamente, dal Paese si alzano voci che vanno contro la violenza e lottano per la dignità.

 

 

Dalla stampa francofona

 

 

Il 2015 ha registrato il record di profughi di guerra. Les Echos presenta i dati riportati dall’Internal Displacement Monitoring Centre (IDMC).

 

 

Chi è Hamza Ben Laden e cosa rappresenta per al-Qaeda? Dopo il video diffuso dal figlio dell'ex leader dell'organizzazione terroristica, L'Obs fa un ritratto del "leone di al-Qaeda".

 

 

Il primo ministro francese Manuel Valls ha annunciato lunedì il piano d'azione contro la radicalizzazione e il terrorismo. Eccone i cinque punti spiegati da Rue 89.

 

 

Orient XXI si domanda se le trattative in Kuwait tra le parti coinvolte nella guerra in Yemen porteranno davvero alla fine dei combattimenti. Su quali punti si discute?

 

 

Dopo due settimane di arresti domiciliari, le autorità turche hanno permesso a una giornalista olandese, di origini turche, di lasciare il Paese. Le Monde riporta che la donne è stata arrestata, e rilasciata, con l'accusa di aver criticato il presidente Erdogan in un quotidiano olandese.

 

 

Dalla stampa anglofona

 

 

La crisi nel Nagorgno-Kharabakh, regione contesa tra Armenia e Azerbaijan, non è finita. L'accordo di pace tarda a prendere forma, dice Politico, che si sofferma su quale ruolo possa giocare la Russia.

 

 

David Ignatius, Washington Post, ha incontrato James Clapper, direttore della National Intelligence degli Stati Uniti e ne riporta le idee riguardanti, in particolare, la questione mediorientale.

 

 

Il fronte di al-Nusra si è staccato da al-Qaeda. Robert Fisk, Independent, prova a spiegare il perché di questa rottura.

 

 

Cosa può fare l'Europa per contrastare il terrorismo? Newsweek pone il problema della radicalizzazione nelle carceri e di come includere gli ex detenuti nelle nostre società.

 

 

In Turchia vige già il "presidenzialismo di fatto", scrive Mustafa Akyol sull'Hurriyet Daily News. Pur non avendo l'autorità di farlo, il presidente Erdogan ha indotto il primo ministro Davutoglu a dimettersi.

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato

Autorizzo l'uso di dati dopo aver accettato la privacy-policy

Per approfondimenti e analisi abbonati alla nostra rivista semestrale