Jihadismo e violenza

Donne al jihad: la sociologia non sempre basta a spiegarle

I foreign fighters sono oggetto di studi e dossier di istituti molto accreditati. Eppure si avverte il rischio che l’analisi, pur molto articolata, si fermi alle spiegazioni sociologiche, necessarie ma non sufficienti a spiegare il fenomeno in tutta la sua portata. Perché l’affondo nella motivazione religiosa non può essere evitato. Lo chiedono la storia e i fatti.

Chiara Pellegrino

Jihadismo e violenza

L’Egitto tra terrore jihadista e repressione cieca

La sequenza di atti che insanguinano l’Egitto è espressione della stagione instabile e violenta che vede il Paese schiacciato tra le infiltrazioni di Isis, i Fratelli musulmani e al-Sisi. I jihadisti puntano a erigere un sistema autenticamente islamico. La Fratellanza cerca di destabilizzare il governo, che praticando una repressione indiscriminata alla fine soffoca anche le energie buone della società.

Michele Brignone

Dialogo interreligioso

Può il Dio che tra i Suoi nomi ha “as-Salām” accettare come atto di culto migliaia di morti?

Pubblichiamo di seguito la lettera che l'Arcivescovo di Milano e presidente di Oasis, il card. Angelo Scola, ha rivolto ai fedeli musulmani in occasione della fine del mese di Ramadan.

Angelo Scola

Jihadismo e violenza

Perché le persone diventano estremisti islamici?

Povertà e ignoranza non spiegano il fenomeno del fondamentalismo islamico.

Salim Daccache, rettore dell'Università Saint Joseph

Religioni e spazio pubblico

«Perdere il Libano significa perdere il Medio Oriente»

Un dialogo aperto tra intellettuali e professori all'Università Saint-Joseph di Beirut sul possibile futuro della regione e sul destino dei rapporti tra cristiani e musulmani ha mostrato quanto può essere vivace il Libano e quanto può essere di aiuto alla vecchia e stanca Europa.

Redazione
Mons. Franco Buzzi

Conoscere il meticciato, governare il cambiamento

L’idea di tolleranza religiosa in età moderna

Il principio della libertà religiosa fu faticosamente guadagnato in età moderna, attraverso lotte sanguinose e prove di violenza. Ma la tolleranza fu ottenuta sacrificando il discorso della verità. Una più sicura fondazione può venire dalla considerazione della dignità della persona, su cui si è concentrato il Vaticano II.

Franco Buzzi

Eventi

 

Workshop: Sommersi dai media? Educare lettori critici nella civiltà delle reti

Old e new media, notizie e devices: per un uso consapevole e conveniente. Il 25 giugno in Expo un workshop riservato a insegnanti ed educatori.

La Rivista

 

Anno 11°, n. 21

L'Islam al crocevia. Tradizione, riforma, jihad

Recensioni

 

Cristiani dell’Iraq: «il male non ha futuro. Il bene è vittorioso»

«Ne nous oubliez pas !» Le SOS du patriarche des chrétiens d’Irak, Préface du cardinal Philippe Barbarin

©2013 Fondazione Internazionale Oasis C.F. 94068840274 - email: oasis@fondazioneoasis.org - Privacy Policy - Credits