Religioni e spazio pubblico

VATICANO - Dichiarazione del Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso

In una dichiarazione fatta il 12 agosto, il Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso, ha chiesto una condanna chiara e coraggiosa da parte dei responsabili religiosi, soprattutto musulmani, e di tutte le persone di buona volontà, dei crimini commessi in Iraq dai jihadisti dello Stato Islamico contro cristiani, yazidi e altre minoranze religiose. Fides propone il testo completo della dichiarazione.

Cristiani nel mondo musulmano

«Stati Uniti, Unione Europea e Lega araba devono liberare la piana di Ninive da tutti i combattenti jihadisti e aiutare i profughi»

Oasis rilancia e sostiene il nuovo appello del Patriarca Sako da Baghdad

Oasis

Cristiani nel mondo musulmano

«Questa persecuzione deve provocare e scuotere tutti noi battezzati che crediamo troppo tiepidamente e siamo poco coraggiosi nell’impegnare la vita con il Vangelo»

Il cardinale Angelo Scola, in un articolo pubblicato su “Il Sole 24 Ore”, interviene sulla tragica realtà delle minoranze religiose in Iraq, cristiani e yazidi, perseguitati da fondamentalisti islamici. Sollecita un aiuto concreto per porre fine a queste violenze, manifesta l’attesa di una parola dei fedeli islamici che vivono in Italia di difesa di chi oggi viene colpito così duramente e annuncia la disponibilità della Diocesi di Milano ad accogliere i profughi cristiani.

Angelo Scola

Religioni e spazio pubblico

Ripaghiamo il debito antico con la Mesopotamia

Negli ultimi giorni, abbiamo letto con orrore dei cristiani a cui è stato intimato di lasciare la città di Mosul entro 24 ore e della profanazione di luoghi sacri cristiani e dei loro simboli, dei bombardamenti di chiese e della rimozione di una croce dalla cattedrale di Sant’Ephrem, sede dell’arcidiocesi siriaco ortodossa di Mosul.

Rivoluzioni arabe

Un califfo che non entusiasma i musulmani

Se ha allarmato l’Occidente, che non riesce a controllarlo né ad afferrarne tutta la portata, il califfato proclamato dallo Stato Islamico con sede a Mosul non ha trovato molti sostenitori tra i pensatori musulmani, anzi. O hanno taciuto o hanno avanzato critiche precise, che concorrono ad evidenziare le convulsioni che agitano la umma, anche per la mancanza di un volto unico dell’Islam.

Michele Brignone

Conoscere il meticciato, governare il cambiamento

Una ricerca innovativa per “afferrare” il mutamento in atto

Un gruppo di ricercatori con competenze diverse studierà il cambiamento in atto nella nostra società a partire da sei ambiti: secolarizzazione e nuove forme di religiosità; fondamentalismo e violenza; media e religioni; dialogo islamo-cristiano; libertà religiosa; politiche europee verso il mondo musulmano [www.conoscereilmeticciato.it]

Angelo Scola

Eventi

 

La Rivista

 

Anno 10° n.19 Giugno 2014

Rigenerare le istituzioni.
Oltre la contestazione, contro la violenza

Recensioni

 

Giovanni XXIII amico dei turchi

Rinaldo Marmara, Giovanni XXIII amico dei turchi, Jaca Book, Milano 2013 (prima edizione francese 2001)

©2013 Fondazione Internazionale Oasis C.F. 94068840274 - email: oasis@fondazioneoasis.org - Credits