Articoli > 2016

Articoli - 2016

Chi è Aoun, il nuovo presidente libanese

Se l’ex generale è arrivato a palazzo, è perché è riuscito a diventare il punto di convergenza di una triplice alleanza tra rivali

05/12/2016 | Amin Elias | Religioni e spazio pubblico

Una comunità di destino per la nuova Europa

Il cittadino dovrà fare i conti con l’interculturalità e l’inter-religiosità in una società plurale che domanda di superare un’attitudine egemonica

28/11/2016 | Angelo Scola | Meticciato di civiltà

Se l’immigrazione scardina il nostro sistema di valori

Sia il dibattito europeo sia le nuove comunità devono ripensarsi per costruire la convivenza

28/11/2016 | Luciano Fontana, direttore del Corriere della Sera | Meticciato di civiltà

Pensare l'Islam in Europa

Il musulmano in Occidente è musulmano spiritualmente: la sua religione è l’Islam, ma la sua civiltà è quella occidentale

28/11/2016 | Tareq Oubrou, imam della Moschea di Bordeaux | Meticciato di civiltà

Il dialogo con i musulmani non passa solo attraverso le comunità

Il ritardo italiano può rappresentare un’opportunità per capire gli errori da evitare

28/11/2016 | Khalid Chaouki, parlamentare PD e coordinatore dell’interguppo Immigrazione e Cittadinanza | Meticciato di civiltà

La cittadinanza: cuore del problema dell’integrazione

Non servono prediche contro razzismo, intolleranza e xenofobia, ma esperienze e progetti positivi e una cultura della convivenza

28/11/2016 | Franco Anelli, rettore dell'Università Cattolica del Sacro Cuore | Meticciato di civiltà

L’ospitalità, pilastro dell’etica araba e islamica

[L'articolo è contenuto in Oasis n. 24. Per leggere interamente i contenuti acquista una copia o abbonati]. Figura leggendaria di poeta-cavaliere di poco anteriore all’Islam, Hātim al-Tā’ī è proverbiale modello di generosità ospitale, non solo nella letteratura araba, ma in tutto il mondo islamico. Tra le moltissime...

22/11/2016 | Martino Diez | Classici arabo-islamici

Le gesta del capo tribù generoso

Dalla figura leggendaria di Hātim, poeta-cavaliere di poco anteriore all’Islam, menzionato anche dal Boccaccio e Goethe, ai detti del Profeta, l’accoglienza è eretta a chiave di volta del sistema etico islamico. E tuttavia l’Islam di questa ospitalità preciserà anche i limiti, con grande senso pratico: tre giorni, il primo con un banchetto speciale, gli altri due con un trattamento normale. «Dopo è carità».

22/11/2016 | Testi di Ibn Qutayba | Classici arabo-islamici

Prendere sul serio l’esistenza dell’altro

[L'articolo è contenuto in Oasis n. 24. Per leggere interamente i contenuti acquista una copia o abbonati]. Scomodo per i progressisti, che pure a lui devono molto, scomodo per l’establishment, Jean Daniélou, gesuita francese, è stato senza dubbio uno dei maggiori teologi del ’900 e tra i padri del Vaticano II. Clas...

22/11/2016 | Claudio Monge op | Classici cristiani

Una grande realtà umana

Normalmente, il fuggiasco, l’errante, lo straniero, se lo si incontra, lo si uccide. E il capovolgimento avviene il giorno in cui, al contrario, lo si accoglie come un ospite e come un inviato da Dio. Questo capovolgimento, lo possiamo constatare in particolare all’interno delle due grandi civiltà che sono all’origine della nostra: la civiltà greca e la civiltà semitica.

22/11/2016 | Testi di Jean Daniélou | Classici cristiani

The Lost Generation

In Libano sono almeno 250mila i profughi tra i tre e 18 anni che non sono dietro i banchi. Si tratta della metà dei 500mila giovani registrati dalle Nazioni Unite. I numeri sono ancora più impressionanti se si considerano altri Paesi che nella regione ospitano i siriani; 800mila i rifugiati in età scolare in Turchia, di cui 500mila fuori dal sistema scolastico, 80mila i giovani siriani senza un’educazione in Giordania.

22/11/2016 | Rolla Scolari | Rivoluzioni arabe

Cristianesimo ed Europa, tra laicità liquida e migrazioni

Crisi economica e fondamentalismi religiosi sono sintomi dell’incontro tra disperazione e rassegnazione. Se l’Europa cristiana ha insegnato a convivere a chi ora si combatte (e la combatte), la nuova Europa deve puntare al meticciato delle culture

22/11/2016 | Pierangelo Sequeri | Meticciato di civiltà

La fuga dei cervelli e il futuro della Siria

L’economia del Paese mediorientale è al collasso e l’esodo di rifugiati porta a una tragica perdita di competenze e capitale umano che avrà un impatto sull’avvenire dell’intera regione. La crisi si iscrive sempre più in una cornice confessionale

22/11/2016 | Helen Makkas, Omar S. Dahi | Religioni e spazio pubblico

Sahel, frontiera strategica e dimenticata

La fascia sub-sahariana è una regione che raramente occupa le prime pagine dei giornali, ma rappresenta per l’Europa un’area di cruciale importanza per le questioni dell’immigrazione e della sicurezza

22/11/2016 | Emilio E. Manfredi | Meticciato di civiltà

L’economia dei campi profughi

L’esilio di milioni di siriani ha portato alla creazione di insediamenti temporanei in tutto il Medio Oriente. Al loro interno si ricreano dinamiche di quartiere e villaggio, forme di commercio e scambio, che aiutano a tenere viva l’identità di un popolo.

22/11/2016 | Kamel Doraï | Meticciato di civiltà

Un Piano Marshall per il Mediterraneo? Idea prematura

Sono molti i comportamenti sociali che si fondano sul principio della gratuità. Solo ripensando a partire da essi il concetto di proprietà privata ha senso impegnarsi in un progetto di ricostruzione economica tra Europa, coste africane e Medio Oriente.

22/11/2016 | Giulio Sapelli | Meticciato di civiltà

Rigenerare la democrazia per rispondere alla violenza

Le incomprensioni tra musulmani e non-musulmani sono riconducibili a un «incontro complesso» di civiltà, in cui gli individui veicolano concezioni diverse dello spazio pubblico. È urgente rinegoziare un nuovo senso di appartenenza.

22/11/2016 | Brigitte Maréchal | Religioni e spazio pubblico

Come l’Islam è diventato “americano”

Muhammad Ali «ha reso cool l’essere musulmano, senza che nessuno potesse mettere in dubbio la sua appartenenza» agli Stati Uniti. Come Ali rappresenta i migliori ideali dell’America, l’attentatore di Orlando ne rappresenta i peggiori

22/11/2016 | Amir Hussain | Meticciato di civiltà

Identikit del jihadista europeo

L’estremismo pone la questione della mancanza di ideali in un’Europa in cui le ideologie classiche non mobilitano più. La conversione dei giovani è dettata anche dallo scarso senso del sacro di un Cristianesimo eroso dalla secolarizzazione radicale

22/11/2016 | Farhad Khosrokhavar | Jihadismo e violenza

Effetto Molenbeek: oltre il mito, i fatti

La storia di questa zona di Bruxelles, da cui sono partiti i terroristi del novembre 2015 a Parigi, mostra che per contrastare il radicalismo servono anche nuove configurazioni socio-politiche e una leadership islamica formata e coraggiosa

22/11/2016 | Felice Dassetto | Jihadismo e violenza
1 2 3 4 5 6 7 8

©2016 Fondazione Internazionale Oasis C.F. 94068840274 - email: oasis@fondazioneoasis.org - Privacy Policy - Credits