close_menu
close-popup
image-popup

Lingue disponibili:
close-popup
Paypal
Carta di credito

Privacy policy

Sostienici
Newsletter
Eventi

Inferno Afghanistan. Voci da un Paese martire

Mercoledì 15 dicembre, ore 21.00 - Basilica di Sant’Ambrogio - Milano

Ultimo aggiornamento: 10/12/2021 09:52:23

Una serata in ascolto delle voci dell’Afghanistan martoriato, per non dimenticare un popolo vittima della violenza e di una gravissima crisi umanitaria. 

 

Al centro dell’evento ci sarà la testimonianza di suor Shahnaz Bhatti, une delle pochissime religiose cristiane presenti nel Paese, che si prendeva cura di bambini disabili mentali nell’unica scuola di questo tipo in tutto l’Afghanistan. Accanto a lei interverranno Mirwais Azimi, docente universitario di Herat, fuggito con la moglie e ospite della Casa della Carità, e Najma Yawari, studentessa, arrivata in Italia da Lesbo con i corridoi umanitari della Comunità di Sant’Egidio.

 

Questo incontro è organizzato dal Centro Pime con il patrocinio dell’arcidiocesi di Milano, in collaborazione con Fondazione Oasis, Caritas Ambrosiana, Casa della Carità, Comunità di Sant’Egidio, Fondazione Meet Human e AsiaNews. Sarà accompagnato da musiche tradizionali afghane del Duo Masala.

 

Saluti:

mons. Carlo Faccendini, abate di Sant’Ambrogio

 

Introduce:

Michele Brignone, Fondazione Oasis


Testimonianza di:

suor Shahnaz Bhatti, suora della Carità di Santa Giovanna Antida

 

Interventi di: 

Mirwais Azimi, docente universitario di Herat
Najma Yawari, studentessa afghana

 

Conclusione:

Luciano Gualzetti, Caritas Ambrosiana


Musiche:

Duo Masala

 

 

Ingresso con Green Pass su prenotazione a questo link

 

Info e prenotazioni: tel. 02 438201 / centropime@pimemilano.com / centropime.org

 

Oasiscenter
Abbiamo bisogno di te

Dal 2004 lavoriamo per favorire la conoscenza reciproca tra cristiani e musulmani e studiamo il modo in cui essi vivono e intrepretano le grandi sfide del mondo contemporaneo.

Chiediamo il contributo di chi, come te, ha a cuore la nostra missione, condivide i nostri valori e cerca approfondimenti seri ma accessibili sul mondo islamico e sui suoi rapporti con l’Occidente.

Il tuo aiuto è prezioso per garantire la continuità, la qualità e l’indipendenza del nostro lavoro. Grazie!

sostienici