close_menu
close-popup
image-popup

Lingue disponibili:
close-popup
Paypal
Carta di credito

Privacy policy

Sostienici
Newsletter
Eventi

Tunisia al bivio: la fine dell’eccezionalismo?

Il 10 novembre alle 17:30 il primo webinar del ciclo “Orizzonti mediorientali”, organizzato da Oasis e dal CeSI

Ultimo aggiornamento: 11/11/2021 10:20:16

Per tutti è stata l’unica storia di successo della Primavera araba, ma il colpo di forza del presidente Kais Saied e la sospensione della Costituzione stanno mettendo in discussione i traguardi raggiunti dopo il 2011. I problemi del Paese vengono però da più lontano e non si limitano agli equilibri istituzionali. La transizione post-rivoluzionaria è infatti coincisa con una crescita del disagio economico e sociale e con l’incapacità della classe politica di farvi fronte. Qual è il progetto del Presidente della Repubblica? Stiamo semplicemente assistendo al ritorno del vecchio autoritarismo? E che cosa significa questo per il resto della regione?

 

Ne discutono: 

 

Claudia Annovi, CeSI

Arianna Poletti, giornalista freelance

Michele Brignone, Fondazione Oasis

 

Modera 

Giuseppe Dentice, CeSI

 

Il webinar sarà trasmesso sulla piattaforma Zoom (iscrizione qui) e sulle pagine Facebook della Fondazione Oasis e del CeSI. 

 

Il successivo appuntamento con il ciclo “Orizzonti mediorientali” sarà l’1 dicembre, con il webinar intitolato L’islamismo vent’anni dopo l’11 settembre.

 

Oasis partecipa a questo webinar nell’ambito delle attività previste dal progetto Rivoluzioni incompiute. Stato, religione e cittadinanza nel Mediterraneo allargato, realizzato con il contributo della Fondazione Cariplo
Oasiscenter
Abbiamo bisogno di te

Dal 2004 lavoriamo per favorire la conoscenza reciproca tra cristiani e musulmani e studiamo il modo in cui essi vivono e intrepretano le grandi sfide del mondo contemporaneo.

Chiediamo il contributo di chi, come te, ha a cuore la nostra missione, condivide i nostri valori e cerca approfondimenti seri ma accessibili sul mondo islamico e sui suoi rapporti con l’Occidente.

Il tuo aiuto è prezioso per garantire la continuità, la qualità e l’indipendenza del nostro lavoro. Grazie!

sostienici