Il webinar conclusivo della serie “Orizzonti mediorientali” si terrà l’11 maggio 2022 alle 17:30 in diretta Zoom e sulle pagine Facebook della Fondazione Oasis e del CeSI

Ultimo aggiornamento: 11/10/2022 14:41:05

 

Il Medio Oriente è una delle regioni più esposte agli effetti dei cambiamenti climatici. La grave carenza d’acqua e l’innalzamento delle temperature stanno già modificando gli ecosistemi di diverse zone, che potrebbero diventare inabitabili. La guerra in Ucraina ha contribuito a mettere in evidenza la vulnerabilità dei Paesi dell’area la cui sicurezza alimentare dipende in larga misura dalle importazioni.

Il problema non è solamente ambientale. La gestione delle risorse naturali, infatti, dipende anche da scelte politiche e ha profonde ricadute sociali. Quali scenari bisogna prevedere? Quali sono le aree più colpite da questi fenomeni? C’è veramente il rischio di una carestia? E come si stanno muovendo i governi della regione?

 

Il webinar sarà quindi un’occasione di confronto tra autorevoli studiosi ed esperti per discutere dei nodi, delle sfide e degli impatti molteplici dei processi in corso nella regione e amplificati dalla crisi in Ucraina.

 

Il webinar avrà luogo mercoledì 11 maggio alle ore 17.30 sulla piattaforma ZOOM (previa iscrizione qui) e verrà trasmesso in live streaming sui canali social del CeSI e della Fondazione Oasis.

 

Ne discutono:

 

Eugenio Dacrema, Economic Risk Analyst, World Food Programme

Maria Fantappie, Special Adviser, Centre for Humanitarian Dialogue

Claudio Fontana, Analista e Program manager, Fondazione Oasis

Sara Manisera, Giornalista freelance

 

Modera:

Giuseppe Dentice, Analista MENA, CeSI - Centro Studi Internazionali

Oasiscenter
Abbiamo bisogno di te

Dal 2004 lavoriamo per favorire la conoscenza reciproca tra cristiani e musulmani e studiamo il modo in cui essi vivono e intrepretano le grandi sfide del mondo contemporaneo.

Chiediamo il contributo di chi, come te, ha a cuore la nostra missione, condivide i nostri valori e cerca approfondimenti seri ma accessibili sul mondo islamico e sui suoi rapporti con l’Occidente.

Il tuo aiuto è prezioso per garantire la continuità, la qualità e l’indipendenza del nostro lavoro. Grazie!

sostienici