Giovedì 28 settembre 2023 la Fondazione Oasis organizza all’Università Cattolica di Milano una conferenza internazionale sulle migrazioni nel Mediterraneo

Ultimo aggiornamento: 07/02/2024 10:46:05

A sei mesi di distanza dall’appello islamo-cristiano, e nel pieno di una nuova emergenza a Lampedusa, Oasis riunisce studiosi, politici e personalità del mondo cristiano e di quello musulmano per approfondire cause e dinamiche delle migrazioni, e ragionare sulle possibili soluzioni a un fenomeno epocale. Appuntamento giovedì 28 settembre nella Cripta dell’Aula Magna in Università Cattolica, ecco il programma:

 

9:15-9:50         

Saluti e introduzione: Franco Anelli, Rettore dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, Wanda Ferro, Sottosegretario agli Interni, Card. Angelo Scola, Fondazione Oasis, Claudia Sorlini, Vicepresidente della Fondazione Cariplo

 

9:50-10:30       

Cristiani e musulmani: affrontiamo insieme la realtà dei migranti: sessione d’apertura con Martino Diez, Fondazione Oasis e Università Cattolica, Mons. Paolo Martinelli, Vicario Apostolico dell’Arabia Meridionale, e Asmae Dachan, giornalista

 

10:30-11:15    

La politica italiana e le migrazioni: tavola rotonda con Paolo Alli, Fondazione De Gasperi, Maurizio Lupi, Deputato di Noi Moderati, e Matteo Renzi, Senatore di Italia Viva

 

11:15-11:35 Pausa

 

11.35-11.45

Legalizzare l’immigrazione: l’esperienza dei corridoi umanitari, Marco Impagliazzo, Comunità di Sant’Egidio

 

11:45-12:15    

La tragica odissea dei migranti: Alessandro Banfi, Fondazione Oasis, intervista Sally Hayden, autrice del libro E la quarta volta siamo annegati

 

12:15-13:00    

Le comunità cristiane e i migranti: tavola rotonda con il Cardinal Cristóbal López Romero, Arcivescovo di Rabat, e Mons. Gian Carlo Perego, Arcivescovo di Ferrara-Comacchio e Presidente di Fondazione Migrantes (CEI). Modera Michele Brignone, Fondazione Oasis.

 

 

SESSIONE POMERIDIANA

 

14:30-15:00

Geopolitica delle migrazioni: dal Sahel al Mediterraneo: intervengono Emanuela Del Re, Rappresentante speciale dell’Unione Europea per il Sahel, e Riccardo Redaelli, Università Cattolica

 

15:00-15:15

Migrazioni e sviluppo: per una partnership paritaria Europa-Africa, Maria Laura Conte, AVSI

 

15:15-15:50    

Da Gheddafi a Saied: l’esternalizzazione della frontiera: intervengono Jalel Harchaoui, Royal United Services Institute for Defence and Security Studies, e Wael Garnaoui, psicanalista

 

15:50-16:10 Pausa

             

16:10-17:05    

Migrazioni, economia e crisi ecologica: intervengono Simona Beretta, Università Cattolica, Ibrahim Özdemir, Clark University, e Laura Zanfrini, Università Cattolica

 

17:05-17:45    

Le comunità islamiche e i migranti: tavola rotonda con Izzedin Elzir, Imam della moschea di Firenze, Wael Farouq, Università Cattolica, Saifeddine Maaroufi, Imam della moschea al-Ghufrān di Lecce e Yahya Pallavicini, Imam della moschea al-Wahid di Milano. Modera Martino Diez, Fondazione Oasis e Università Cattolica.

 

17:45Conclusioni

Michele Brignone, Fondazione Oasis, e Mario Mauro, Meseuro

 

 

La partecipazione è libera, per motivi organizzativi si prega di segnalare la propria presenza a ctonini@fondazioneoasis.orgSarà anche possibile seguire la conferenza in diretta streaming sul canale YouTube della Fondazione Oasis.

 

 

CONTATTI

Segreteria: Dott.ssa Caterina Tonini, ctonini@fondazioneoasis.org

Ufficio Stampa: Dott. Mario Cedone, mario.cedone@secnewgate.it

 

 

Conferenza organizzata nell’ambito del progetto I rapporti tra Occidente e mondo musulmano al tempo del disordine globale sostenuto dalla Fondazione Cariplo

 

 

Oasiscenter
Abbiamo bisogno di te

Dal 2004 lavoriamo per favorire la conoscenza reciproca tra cristiani e musulmani e studiamo il modo in cui essi vivono e intrepretano le grandi sfide del mondo contemporaneo.

Chiediamo il contributo di chi, come te, ha a cuore la nostra missione, condivide i nostri valori e cerca approfondimenti seri ma accessibili sul mondo islamico e sui suoi rapporti con l’Occidente.

Il tuo aiuto è prezioso per garantire la continuità, la qualità e l’indipendenza del nostro lavoro. Grazie!

sostienici