close_menu
close-popup
image-popup

Lingue disponibili:
close-popup
Paypal
Carta di credito
dona
Consigli di lettura

Edward W. Said, Humanism and democratic criticism

Edward W. Said, Humanism and democratic criticism, Il Saggiatore, Milan, 2007

Il primo libro postumo di Edward Said si propone quale sorta di testamento spirituale. Said assume il compito di rilanciare la figura dell’intellettuale umanista, identificando il campo, il fine e il medesimo ruolo che questi deve svolgere nell’epoca attuale.

 

Per Said, “nel cuore dell’umanesimo si trova la convinzione, laica, che il mondo storico è fatto dagli uomini e dalle donne, e non da Dio, e che può essere compreso razionalmente secondo i principi formulati da Vico”. L’umanista è chiamato ad utilizzare la filologia, quale strumento rigoroso con cui contribuire all’unico sapere disponibile: “sapere equivale a sapere come una cosa è fatta”.

 

Said propone un intellettuale che si opponga all’unica superpotenza economica, politica, mediatica e militare rimasta. “Il ruolo dell’intellettuale è un ruolo dialettico, oppositivo, capace di mettere a nudo” il potere economico imperante, “di sfidare e sconfiggere […] il silenzio imposto e la calma normalizzata di un potere invisibile”. Si tratta di “presentare narrazioni alternative e prospettive diverse sulla storia rispetto a quelle offerte da chi si schiera a fianco della memoria ufficiale”.

 

Scorrendo le pagine del libro, tuttavia, si ha l’impressione che Said riconosca il carattere tragico, e pertanto sterile, dell’azione intellettuale. Egli oppone, ma non riesce a proporre nulla. Sulla causa che gli sta maggiormente a cuore, quella palestinese, ammette ad esempio che “Per quanto abbia cercato uno sbocco a questa impasse, non sono stato in grado di trovarne”. Pare che la filologia non giovi, da sola, al perdono e alla riconciliazione.

 

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato

Autorizzo l'uso di dati dopo aver accettato la privacy-policy

Per approfondimenti e analisi abbonati alla nostra rivista semestrale