close_menu
close-popup
image-popup

Lingue disponibili:
close-popup
Paypal
Carta di credito
abbonati
Religione e società

Fare Sintesi. La missione dell'Europa

In un brano coranico il giovane Abramo, alla ricerca del dio, si volge nella notte ad adorare le stelle. Ma quando esse scompaiono al far del giorno, esclama: «Non amo ciò che tramonta». E da questa considerazione è condotto, attraverso la luna e il sole, al culto del Creatore unico. “Non amo ciò che tramonta”: si può immaginare una provocazione più radicale per le nostra società nord-occidentali?

 

Indicendo l’Anno della Fede Benedetto XVI osservava come grandi settori della società fossero toccati da «una profonda crisi di fede», che investirebbe anche gli stessi cristiani, più preoccupati delle conseguenze della loro fede che della sua essenza. Per questo la presenza di musulmani che sovente vivono una radicale dedizione all’Assoluto, rappresenta una provocazione da raccogliere.

 

Questa provocazione, che scaturisce dall’incontro tra religioni e culture, non deve peraltro portare a un indistinto teismo, una improbabile “alleanza del trascendente”, ma a una più consapevole coscienza della propria dinamica identità e della propria tradizione. È qui che si innesta la questione decisiva della testimonianza e della libertà religiosa, necessarie per dare sostanza a questo incontro.

 

La posizione di chi auspica per i musulmani, in particolare per quelli che vivono in Europa, un “bagno purificatore” nel secolarismo appare piuttosto ingenua ed oggettivamente sbagliata, soprattutto nel momento in cui del secolarismo lamentiamo gli effetti sulla vita delle comunità cristiane e della società tutta. A proposito dell’esperienza religiosa mal comune non è mezzo gaudio. Quello di cui c’è bisogno invece è in tutti un più deciso approfondimento dell’esperienza religiosa e delle sue autentiche esigenze, che Gesù Cristo ha annunciato di essere venuto a compiere in pienezza. Esigenze che implicano anche una costante purificazione. E dunque sarebbe errato rappresentarsi il processo a senso unico, come se il tutto si risolvesse nella necessità di un “recupero del trascendente” per un’Europa appiattita sull’orizzonte dell’immediato. Urge anche il movimento opposto, nella forma di una decisa denuncia di una teologia politica e di una religione ideologizzata che travaglia sempre più la vita in Medio Oriente, prima di tutto delle comunità di minoranza oggi così duramente provate (pensiamo soltanto ai copti in Egitto, alla chiesa nigeriana e pakistana e alla tragedia siriana). Liquidare la questione come un utilizzo improprio della religione a fini politici rischia facilmente di diventare auto-assolutorio. Occorre piuttosto parlare di una compromissione in cui gli uomini delle religioni assumono non di rado un ruolo attivo, facendosi istigatori di atti di violenza. Si tratta di un fatto tanto più grave in quanto una simile compromissione rappresenta un radicale tradimento dell’esperienza religiosa, sconfinante nell’idolatria: gli uomini che prendono tali iniziative “per conto di Dio” finiscono infatti spesso per agire “al posto di Dio”.

 

Anche in questo caso comunque, il tema della secolarizzazione prende forme e contenuti nuovi se lo guardiamo alla luce della transizione araba, iniziata con le rivolte del 2011. Raffigurarsi il cambiamento in atto nel mondo islamico come una lotta tra un “antico” religioso e un “nuovo” secolare è semplicistico, sia che si pronostichi una vittoria del “nuovo”, magari dopo qualche battuta d’arresto, sia che ci si attenda la prevalenza dell’antico, con minime concessioni formali alla modernità. In realtà l’ “antico” ha assunto, parodiandoli, molti tratti dal nuovo e il nuovo rimane molto radicato nella tradizione. Vi sono poi altri temi che entrano in gioco (il caso turco è emblematico in questo senso), come la legittimità del pluralismo all’interno dell’Islam, la lotta per la democrazia, la libertà di espressione e la critica a una forma di religiosità che fa del successo materiale ed economico l’unico metro di valore.

 

Da questo quadro così frammentato, credo si possa comunque ricavare un dato significativo. Il processo di secolarizzazione è nato e finora si è svolto interamente in ambito cristiano; non c’è perciò alcuna garanzia che, investendo altre religioni, conduca agli stessi esiti. Occorre anzi affinare lo sguardo per abituarsi a coglierlo all’opera in fogge inconsuete e al limite paradossali: la religione immanente dell’Islam politico potrebbe esserne una.

 

Una cosa comunque è certa: non ha molto senso opporre l’Occidente ateo all’Oriente della spiritualità: il dato nuovo di quel processo che chiamiamo meticciato è che i due poli, se mai sono esistiti, si sono ormai reciprocamente intrecciati anche fisicamente. Se i confini vanno riconfigurandosi, la nostra ipotesi di lavoro, come Fondazione Oasis, dev’essere quella di attraversare i vari territori e saperi, facendo leva sulla comune esperienza religiosa. Ovvero, parafrasando Italo Calvino: «Cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo al deserto, non è deserto, e farlo durare e dargli spazio». Perché ciò che in mezzo al deserto non è deserto è proprio l’oasi.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter per non perderti i nostri approfondimenti

Per approfondimenti e analisi abbonati alla nostra rivista semestrale