close_menu
close-popup
image-popup

Lingue disponibili:
close-popup
Paypal
Carta di credito
abbonati
Cristiani nel mondo musulmano

«Affrettatevi, ne va della vita dell’Iraq»

Lettera agli onorevoli parlamentari iracheni del Patriarca di Babilonia dei Caldei (15 luglio 2014)

Salute a voi.

 

Nel momento in cui l’amato Iraq attraversa una crisi di sicurezza e di ordine, mentre cresce giorno dopo giorno il numero dei morti e dei profughi e s’aggrava la distruzione, uniamo la nostra umile voce, come riferimento religioso cristiano iracheno, alla voce delle autorità sciita e sunnita per scongiurarvi di affrettare l’elezione delle tre presidenze [presidente della repubblica, primo ministro, presidente del Parlamento] e salvare così il Paese dal pericolo del caos e dello sgretolamento.

 

 

Si tratta di una responsabilità nazionale, morale e storica che incombe su di voi. Affrettatevi dunque a scendere a compromessi e adoperatevi per scegliere i tre presidenti con urgenza, perché ne va della vita degli iracheni e dell’unità dell’Iraq. Come cittadini riteniamo che nella vostra unità e nella vostra comprensione reciproca risieda la salvezza per tutti noi.

 

 

Vi proponiamo di recitare questa preghiera all’inizio della vostra seduta:

 

«O Dio aiutaci ad avviare un dialogo tra noi perché ci possiamo comprendere reciprocamente e risolvere le divergenze senza irrigidimenti e ostinazioni. O Dio aiutaci a diffondere la pace e la tranquillità tra i figli del nostro popolo perché l’Iraq esca vittorioso da questa prova. Amen».

 

 

Riponiamo grande speranza e fiducia in voi e restiamo in attesa impaziente, insieme a milioni di iracheni, di ricevere la buona notizia.

 

 

(trad. dall’arabo Martino Diez)

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato

Per approfondimenti e analisi abbonati alla nostra rivista semestrale