close_menu
close-popup
image-popup

Lingue disponibili:
close-popup
Paypal
Carta di credito
abbonati
Medio Oriente e Africa

Comunicato del movimento al-Nahda sugli eventi egiziani

Di fronte agli ultimi sviluppi della situazione egiziana e alla destituzione del presidente Muhammad Mursi avvenuta il 3 luglio 2013, con un flagrante rovesciamento della legittimità incarnata dal primo presidente eletto nella storia dell’Egitto, il movimento al-Nahda:

 

1) Rifiuta l’evidente colpo di Stato e afferma che in Egitto la legittimità è rappresentata unicamente dal presidente Muhammad Mursi.

 

2) Afferma che l’attentato alla legittimità in Egitto ha provocato una divisione del popolo egiziano e privilegiato richieste di una parte di egiziani a scapito di altri milioni di egiziani scesi in piazza e nelle strade per sostenere il Presidente eletto.

 

3) Condanna gli arresti compiuti tra le file della dirigenza del Partito della Libertà e della Giustizia e del movimento dei Fratelli musulmani e invoca la loro liberazione immediata.

 

4) Condanna con forza la chiusura degli enti di informazione e il divieto posto ai giornalisti di copertura degli eventi.

 

5) Afferma che l’attentato contro la legittimità produce una sfiducia nella democrazia sia come principio che come metodo e alimenta l’estremismo e la violenza.

 

6) Condanna la giustificazione del colpo di Stato da parte di personalità religiose islamiche e cristiane.

 

7) Invoca il ripristino della legittimità ed esprime il suo sconcerto davanti alla benedizione del colpo di Stato da parte di alcune forze politiche, a scapito della volontà popolare.

 

8) Invita le forze democratiche dell’Egitto alla costruzione del consenso nazionale, all’impegno per un’opposizione pacifica e all’abbandono della violenza quale metodo per il ripristino della legittimità.

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato

Per approfondimenti e analisi abbonati alla nostra rivista semestrale