close_menu
close-popup
image-popup

Lingue disponibili:
close-popup
Paypal
Carta di credito

Privacy policy

Sostienici
Newsletter
Classici

L’itinerario mistico di un’amica di Dio

‘Ā’isha Al-Bā‘ūniyya compone un breve trattato sul cammino mistico che porta all’annullamento morale e ontologico dell’Io

Questo articolo è pubblicato in Oasis 30. Leggi il sommario

Ultimo aggiornamento: 11/12/2019 15:18:17

Questo articolo è l'introduzione a Nell’incendio dell’amore divino

 

Dici donna nell’Islam e il pensiero, escluse per la loro eccezionalità Maria madre di Gesù e le mogli e figlie di Muhammad, corre alla letteratura mistica. È nell’ambito sufi infatti che sono fiorite alcune figure femminili di grande rilievo, a cominciare dall’asceta Rābi‘a al-‘Adawiyya (713-801), i cui folgoranti detti continuano a godere di grande fortuna[1]. Ma se Rābi‘a fa storia a sé per la scelta del celibato, rarissimo nell’Islam, ‘Ā’isha al-Bā‘ūniyya, la mistica e poetessa da cui abbiamo tratto il classico di questo numero, è una figura più “normale”. E dunque più rappresentativa di una traiettoria possibile nella società islamica classica, almeno nei suoi ceti più elevati[2].

 

Nata a Damasco nella seconda metà del XV secolo, apparteneva a una famiglia eminente. Il padre, giudice capo della metropoli siriana sotto gli ultimi mamelucchi, le assicurò un’accurata istruzione: all’età di otto anni ‘Ā’isha aveva già memorizzato l’intero Corano. Recatasi in pellegrinaggio alla Mecca con la famiglia, la giovane ebbe una visione del Profeta dell’Islam. Questa esperienza la indirizzò verso il sufismo, all’interno di un ramo della confraternita Qādiriyya a cui la famiglia era molto legata.

 

In una data non precisata ‘Ā’isha sposò Ibn Naqīb al-Ashraf, membro di un’altra famiglia damascena di primo piano, e i due ebbero almeno una figlia e un figlio. Rimasta vedova, nel 1513 ‘Ā’isha si recò al Cairo, capitale del sultanato mamelucco, per cercare un lavoro al figlio nell’amministrazione statale. Nel viaggio, tuttavia, fu derubata dai predoni, che la lasciarono in totale miseria. In questo difficile frangente fu soccorsa da un amico di famiglia, Ibn Ajā, che, grazie alla sua qualifica di ministro e confidente del sultano al-Ghawrī, riuscì a far assumere il figlio di ‘Ā’isha nella cancelleria. Dopo tre anni trascorsi al Cairo, madre e figlio ripresero il cammino della Siria, accompagnando il loro patrono ad Aleppo, dove il sultano stava preparandosi per la guerra contro gli ottomani. Al-Ghawrī concesse un’udienza personale alla donna, forse inquieto al pensiero dell’imminente scontro militare, in cui avrebbe perso la vita; terminato il colloquio, ‘Ā’isha tornò a Damasco, dove morì poco dopo, nel 1517.

Per continuare a leggere questo articolo devi essere abbonato Abbonati
Sei già abbonato? Accedi

Per citare questo articolo

 

Riferimento al formato cartaceo:

Martino Diez, L’itinerario mistico di un’amica di Dio, «Oasis», anno XV, n. 30, dicembre 2019, pp. 102-104.

Riferimento al formato digitale:

Martino Diez, L’itinerario mistico di un’amica di Dio, «Oasis» [online], pubblicato il 10 dicembre 2019, URL: https://www.oasiscenter.eu/it/itinerario-mistico-sufi-accesso-dio.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter per non perderti i nostri approfondimenti

Per approfondimenti e analisi abbonati alla nostra rivista semestrale