close_menu
close-popup
image-popup

Lingue disponibili:
close-popup
Paypal
Carta di credito

Privacy policy

Sostienici
Newsletter
Le ragioni della nostra speranza

Conoscere il Cristianesimo attraverso le domande dei musulmani

 

“Le ragioni della nostra speranza” è un progetto realizzato dal McGrath Institute for Church Life e dalla Fondazione Oasis per favorire la conoscenza tra cristiani e musulmani

La pace sia su di voi, in arabo as-salāmu ‘alaykum.

 

Siamo lieti di presentarvi questo progetto, che si propone di rispondere ad alcune domande che i musulmani si fanno sul Cristianesimo. Perché questa iniziativa? Perché sappiamo che molti musulmani non si accontentano degli stereotipi abituali sul Cristianesimo. Cercano qualcosa di più profondo. Cosa non meno importante, siamo anche convinti che i cristiani possono sviluppare una nuova comprensione della loro fede prendendo sul serio le domande dei musulmani.

 

Molti cristiani che hanno studiato l’Islam si sono sentiti chiedere dai loro amici musulmani: «Adesso che conosci l’Islam, perché non ti fai musulmano?». Nei nostri video speriamo di illustrare perché i cristiani restano cristiani, per spiegare e condividere le “ragioni della nostra speranza”, come dice l’apostolo Pietro. Vogliamo farlo in un modo che sia significativo per i musulmani e al tempo stesso rispettoso della loro ricca tradizione spirituale.

 

Nel nostro tentativo abbiamo trovato ispirazione nelle parole di Papa San Giovanni Paolo II, che nel 2001 scrisse una lettera a tutti i cattolici del mondo per delineare le priorità della Chiesa per il nuovo millennio. Tra di esse Giovanni Paolo II attribuì un posto speciale al dialogo:

 

Nella condizione di più spiccato pluralismo culturale e religioso, quale si va prospettando nella società del nuovo millennio, tale dialogo è importante anche per mettere un sicuro presupposto di pace e allontanare lo spettro funesto delle guerre di religione che hanno rigato di sangue tanti periodi nella storia dell'umanità. Il nome dell'unico Dio deve diventare sempre di più, qual è, un nome di pace e un imperativo di pace.

 

Ma il dialogo non può essere fondato sull'indifferentismo religioso, e noi cristiani abbiamo il dovere di svilupparlo offrendo la testimonianza piena della speranza che è in noi. […] Il dovere missionario, d'altra parte, non ci impedisce di andare al dialogo intimamente disposti all'ascolto. Sappiamo infatti che, di fronte al mistero di grazia infinitamente ricco di dimensioni e di implicazioni per la vita e la storia dell'uomo, la Chiesa stessa non finirà mai di indagare, contando sull'aiuto del Paraclito, lo Spirito di verità, al quale appunto compete di portarla alla «pienezza della verità».

 

Questo principio è alla base non solo dell'inesauribile approfondimento teologico della verità cristiana, ma anche del dialogo cristiano con le filosofie, le culture, le religioni. Non raramente lo Spirito di Dio, che «soffia dove vuole», suscita nell'esperienza umana universale, nonostante le sue molteplici contraddizioni, segni della sua presenza, che aiutano gli stessi discepoli di Cristo a comprendere più profondamente il messaggio di cui sono portatori. Non è stato forse con questa umile e fiduciosa apertura che il Concilio Vaticano II si è impegnato a leggere i «segni dei tempi»? Pur attuando un operoso e vigile discernimento, per cogliere i «veri segni della presenza o del disegno di Dio», la Chiesa riconosce che non ha solo dato, ma anche «ricevuto dalla storia e dallo sviluppo del genere umano». Questo atteggiamento di apertura e insieme di attento discernimento il Concilio lo ha inaugurato anche nei confronti delle altre religioni. Tocca a noi seguirne l'insegnamento e la traccia con grande fedeltà.

 

 (Novo Millennio ineunte, nn. 55-56)

 

Queste parole di Giovanni Paolo II esprimono fino in fondo quello che desideriamo fare. A voi giudicare se siamo riusciti ad avvicinarci a questo ideale. Wa-’llāhu al-mustaʿān, e Dio è Colui che si invoca in aiuto.

 

Fondazione Internazionale Oasis

McGrath Institute for Church Life

 

PRIMO EPISODIO: Gesù nella Bibbia e nel Corano

 

SECONDO EPISODIO: Molti profeti, un messaggio. Il ruolo di Gesù nel Corano

 

TERZO EPISODIO: Il Salvatore. Il ruolo di Gesù nella Bibbia

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Oasiscenter
Abbiamo bisogno di te

Dal 2004 lavoriamo per favorire la conoscenza reciproca tra cristiani e musulmani e studiamo il modo in cui essi vivono e interpretano le grandi sfide del mondo contemporaneo.

Chiediamo il contributo di chi, come te, ha a cuore la nostra missione, condivide i nostri valori e cerca approfondimenti seri ma accessibili sul mondo islamico e sui suoi rapporti con l’Occidente.

Il tuo aiuto è prezioso per garantire la continuità, la qualità e l’indipendenza del nostro lavoro. Grazie!

sostienici

In collaborazione con