close_menu
close-popup
image-popup

Lingue disponibili:
close-popup
Paypal
Carta di credito

Privacy policy

Sostienici
Newsletter
Medio Oriente e Africa

Il dolore del Venerdì Santo cantato da Fayrouz

Chiesa del Santo Sepolcro, XII stazione della via Crucis [dominika zara / Shutterstock]

La magistrale interpretazione di un inno cristiano tradizionale molto diffuso sulle sponde del Mediterraneo orientale

Ultimo aggiornamento: 02/04/2021 14:28:15

Durante l’anno, la nostra rubrica musicale T-Arab si prenderà qualche pausa dalla politica per proporre dei brani legati alle più importanti festività cristiane e musulmane: Pasqua, Ramadan, ‘Āshūrā’, Mawlid al-Nabī e Natale.

 

Oggi è il nostro primo appuntamento di questo tipo: nella tradizione cristiana, il Venerdì Santo è un giorno di lutto. L’unico suono che si eleva è un grido viscerale, quello del “Figlio dell’uomo” sulla croce.

 

Fayrouz (nome d’arte di Nouhad Haddad), la celebre cantante libanese che avremo modo di presentare in un prossimo appuntamento, interpreta magistralmente questo dolore nel brano al-Yawm ‘ulliqa ‘alā khashaba (“Oggi è stato appeso a un Legno”), un inno cristiano tradizionale molto diffuso sulle sponde del mediterraneo orientale.

 

Si potrebbe parlare a lungo del ruolo di Fayrouz nel rinnovare e far conoscere al mondo i canti religiosi in arabo, del suo album esclusivamente dedicato al Venerdì Santo e dell’uso illegale, da parte di Madonna, della canzone che vi presentiamo oggi.

 

In queste “puntate religiose” speciali, preferiamo però lasciar parlare i testi delle canzoni e la loro musica.

 

Che il tarab di oggi possa essere quella commozione dolorosa di cui abbiamo parlato presentando il ricco sostrato etimologico di questa parola araba.

 

Buon tarab e buona Pasqua!

 

 

 

Oggi è stato appeso a un Legno

Oggi è stato appeso a un Legno

Colui che ha sospeso la Terra sulle acque.

Una corona di spine è posta

sul capo del Re degli angeli.

È avvolto in una finta porpora

Colui che adorna i Cieli di nuvole.

Accetta di essere schiaffeggiato

Colui che ha liberato Adamo

nel Giordano.

È confitto con chiodi

lo Sposo della Chiesa.

È trafitto da una lancia

Il figlio della Vergine.

Adoriamo la tua passione, o Cristo

Mostraci dunque la tua gloriosa Resurrezione.

 

 

 

 

اليوم عُلِّقَ على خشبة

اليوم عُلِّقَ على خشبة

الّذي عَلَّقَ الأرض على المياه

اليوم عُلِّقَ على خشبة

الّذي عَلَّقَ الأرض على المياه

اليوم عُلِّقَ على خشبة

الّذي عَلَّقَ الأرض على المياه

 

إكليلٌ من شوك وُضعَ على هامةَ ملكِ الملائكة

برفيراً كاذباً تَسربَلَ

الّذي وَشّحَ السماءَ بالغيوم

قَبِلَ لطمةً
الّذي أعتق آدمَ في الأردن

خَتَنُ البِيعَةِ سُمّر بالمسامير

وابن العذراءِ طُعن بحربة

 

نسجدُ لآلامك أيُها المسيح

نسجدُ لآلامك أيُها المسيح

نسجدُ لآلامك أيُها المسيح

فأرنا قيامتك المجيدة

Le opinioni espresse in questo articolo sono responsabilità degli autori e non riflettono necessariamente la posizione della Fondazione Internazionale Oasis
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Oasiscenter
Abbiamo bisogno di te

Dal 2004 lavoriamo per favorire la conoscenza reciproca tra cristiani e musulmani e studiamo il modo in cui essi vivono e interpretano le grandi sfide del mondo contemporaneo.

Chiediamo il contributo di chi, come te, ha a cuore la nostra missione, condivide i nostri valori e cerca approfondimenti seri ma accessibili sul mondo islamico e sui suoi rapporti con l’Occidente.

Il tuo aiuto è prezioso per garantire la continuità, la qualità e l’indipendenza del nostro lavoro. Grazie!

sostienici

tag