close_menu
close-popup
image-popup

Lingue disponibili:
close-popup
Paypal
Carta di credito

Privacy policy

Sostienici
Newsletter
Medio Oriente e Africa

Cosa fanno i Mashrou‘ Leila per la loro Patria

Un concerto dei Mashrou' Leila a Malmö nel 2017 [Anteger11 / Wikimedia Commons]

È probabilmente la band araba più conosciuta all’estero, e questa fama è stata accompagnata da una serie di stereotipi. Per capire i Mashrou‘ Leila bisogna partire dalla loro libanesità

Ultimo aggiornamento: 10/10/2021 11:02:26

Tarab_Oasis-02.pngIl “progetto di una notte” o “progetto (di) Leila” è uno dei pochi gruppi arabi che non ha bisogno di presentazioni a un pubblico italofono, benché la loro ultima visita italiana risalga a qualche anno fa.

 

Quella che oggi è probabilmente la band araba contemporanea più famosa all’estero nasce nel 2008 da una delle tante jam session estemporanee al campus dell’Università Americana di Beirut. Tredici anni dopo, quel “progetto di una notte” conta quattro album in studio, un EP e ammiratori in tutto il mondo.

 

Sin dai loro primi concerti, dagli scantinati di Bourj Hammoud (quartiere a maggioranza armena di Beirut) ai palchi internazionali, i Mashrou’ Leila hanno fatto parlare di loro: per i loro testi satirici, dal linguaggio politico e sessuale esplicito; per il coming out del cantante; per la diversità che rappresenterebbero, un piccolo spaccato della complessità libanese (libanesi, ma con origini armene, giordane, venezuelane); per le loro carriere laterali, da architetti, registi, scrittori, designer; per i concerti sold-out e per quelli che non sono mai stati autorizzati o sono stati annullati per ragioni di “ordine pubblico e morale”; per qualche persona del loro pubblico, arrestata per aver sventolato bandiere arcobaleno; per le copertine, i loro video, le loro interviste, e tanto altro.

 

Una band che non lascia indifferenti e che piace tanto, troppo, all’estero. A tal punto che il gruppo stesso passa sovente in secondo piano, sovrastato dalle esotiche valenze che gli si vuole a tutti i costi appioppare. Eccoli trasformati nella «band delle primavere arabe» o, il cantante, nel «Freddie Mercury del Medio Oriente». Su questo punto, le sorti del gruppo non distano molto da quelle dello stereotipato Libano e della sua capitale.

 

Segui la playlist di T-Arab su Spotify: esplora i brani degli episodi passati e scopri quelli in arrivo 

 

Se qualcosa si può davvero evidenziare della band, è la sua “libanesità”. Più precisamente, soprattutto i primi album sono particolarmente “beirutini”. La città è onnipresente nelle loro canzoni, e il Paese intero è spesso lo sfondo implicito dei loro testi.

 

Nella canzone di oggi, lo sfondo libanese è più che esplicito. Sì, è vero. Li-l-watan è una scelta un po’ scontata: dici Mashrou’ Leila e politica, e il pensiero corre direttamente a questo brano satirico. Eppure proprio il suo messaggio un po’ descrittivo, un po’ profetico è risuonato molto nelle proteste libanesi dell’ottobre 2019 e, nonostante i recenti successi, è la loro seconda canzone più cliccata su YouTube (la prima, Fasateen fu quella che li rese celebri al grande pubblico).

 

Li-l-watan (“Per la Patria”) rimanda all’inno nazionale libanese (Kullunā li-l-watan “Tutti noi per la Patria”), ed è un attacco alla sordità della classe politica libanese, che respinge, «per il bene della Patria» le richieste di riforma e progresso, invitando piuttosto a distrarsi («smettila, e vieni a ballare»), ma anche a un certo edonismo che non si preoccupa dei problemi reali del Paese. 

 

Molto efficace il pluripremiato (e più che verosimile) videoclip diretto da Areej Mahmoud, in ripresa continua (one-take), che riproduce la dinamica tra gli elettori libanesi e i loro politici: una sensuale danzatrice del ventre tenta di catturare (riuscendoci!) tutta l’attenzione del pubblico, lasciando in secondo piano la band e il decennale malfunzionamento della politica libanese.

 

Buon tarab!

 

Canzone: Li-l-watan

Artista: Mashrou‘ Leila

Anno: 2013

Nazionalità: Libano

 

 

Scorri verso il basso per leggere il testo tradotto in italiano e l'originale arabo.

Qui tutte le precedenti puntate.

 

Le opinioni espresse in questo articolo sono responsabilità degli autori e non riflettono necessariamente la posizione della Fondazione Internazionale Oasis
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Oasiscenter
Abbiamo bisogno di te

Dal 2004 lavoriamo per favorire la conoscenza reciproca tra cristiani e musulmani e studiamo il modo in cui essi vivono e interpretano le grandi sfide del mondo contemporaneo.

Chiediamo il contributo di chi, come te, ha a cuore la nostra missione, condivide i nostri valori e cerca approfondimenti seri ma accessibili sul mondo islamico e sui suoi rapporti con l’Occidente.

Il tuo aiuto è prezioso per garantire la continuità, la qualità e l’indipendenza del nostro lavoro. Grazie!

sostienici

 

 

Per la Patria

 

Altri hanno domato uragani, per controllare il [loro] destino

Mentre noi siamo spazzati via da una brezza e retrocediamo verso la distruzione

Ma se appena t’azzardi a chieder conto del deteriorarsi della situazione 

Ti mettono a tacere con tutti i loro slogan sulle cospirazioni

Il gregge ti accusa di tradimento ogni volta che chiedi cambiamenti per la Patria

Ti esasperano fino a farti vendere le tue libertà pur di salvare la Patria.

 

Te l’han detto! Basta predicare, vieni a farmi ballare un po’

Perché stai lì, tutto corrucciato, vieni a farmi ballare un po’

 

Ti hanno insegnato l'inno,[1] ti han detto che i tuoi sacrifici[2] sono utili per la Patria

Ti han sedato per endovena; ti han detto che la tua letargia è utile per la Patria

 

Te l’han detto! Basta predicare, vieni a farmi ballare un po’

Perché stai lì, tutto corrucciato, vieni a farmi ballare un po’

 

 

للوطن

غيرنا روّض أعاصير ليتحكّم بالمصير

نحن من نسيم منطير ومنرتدّ على التدمير

بسّ تتجرّأ بسؤال عن تدهور الأحوال

بيسكتوك بشعارات عن كلّ المؤامرات

خوّنوك القطيع كلّ ما طالبت بتغيير الوطن

يأسوك حتّى تبيع حرّياتك لما يضيع الوطن

 

قالولك حاج تبشّر تعا رقّصني شويّ

ليش مكشّر تعا رقّصني شويّ

 

علّموك النشيد قالوا صراعك مفيد للوطن

خدّروك بالوريد قالوا خمولك مفيد للوطن

 

قالولك حاج تبشّر تعا رقّصني شويّ

ليش مكشّر تعا رقّصني شويّ


[1] L’inno nazionale libanese, l’omonimo Kullunā li-l-watan.

[2] Sirā‘ può indicare, più letteralmente, la “lotta”, lo “sforzo”, le “fatiche”.