close_menu
close-popup
image-popup

Lingue disponibili:
close-popup
Paypal
Carta di credito

Privacy policy

Sostienici
Newsletter
Medio Oriente e Africa

T-arab: tutte le puntate della nostra rubrica musicale

[Moha El-Jaw / Shutterstock]

La rubrica settimanale T-arab, dedicata alla musica araba, guarda legge le rivoluzioni incompiute e la politica mediorientale attraverso la musica

Ultimo aggiornamento: 14/10/2021 13:43:35

0. Introduzione: T-arab. Voci arabe

 

1. Ramy Essam: il megafono della rivoluzione egiziana

 

2. Fatto il Libano, bisogna fare i libanesi

 

3. Tra chaabi e raï algerino, due volte un classico

 

4. Kelmiti Horra, una parola libera per persone libere

 

5. Quando l’ISIS fa morire (dal ridere) 

 

6. Rap tunisino: ci piacciono i must, non i cliché

 

7. Il beatle di Baghdad

 

8. Anche per i Cairokee in Egitto la musica è cambiata

 

9. Khebez Dawle: “Rifugiato” non è un genere musicale (rock sha‘bī, sì)

 

10. Jawhar: voce poetica delle persone ai margini

 

11. Il dolore del Venerdì Santo cantato da Fayrouz

 

12. Ramadan, un mese in cui cambia anche la musica

 

13. Mohammed Wardi e l’immensa ricchezza della musica sudanese

 

14. El Morabba3: di rock giordano e di altri modi di essere rivoluzionari

 

15. Nass El Ghiwane: da ragazzi di strada a leggende

 

16. Souad Massi o l’importanza di una coscienza libera

 

17. Armada Bizerta: cos’è rimasto del conscious rap arabo?

 

18. Lynn Adib ha in bocca un dolore, la perla più scura

 

19. El Rass: una testa pensante della musica araba

 

20. Una Fayrouz dimenticata, una questione non archiviata

 

21. Hajo Sammany e qualche riflessione sulla diaspora sudanese

 

22. Tarabband, tra Baghdad e Malmö un meticciato musicale

 

23. La fisarmonica egiziana di Youssra El Hawary

 

24. Eskenderella: vero underground, veramente rivoluzionario

 

25. Mariem Hassan: l’indomita voce Sahrawi

 

26. Dhekra: tra pellegrinaggio e politica, un caso aperto

 

27.TootArd: in volo oltre i confini del Golan 

 

28. Felukah, Rama Duwaji e la musica come strumento di sensibilizzazione

 

29. Il settembre di Ayoub Tarish, l’usignolo dello Yemen

 

30. Il glocalismo tunisino di Halim Yousfi e i Gultrah Sound System

 

31. Dal palco al parlamento: Malouma, voce dei poveri

 

32. Le domande di Faraj Suleiman

 

33. Macadi Nahhas, la madrina del folclore arabo

 

34. Cosa fanno i Mashrou‘ Leila per la loro Patria

 

35. Zeid Hamdan: rinnovatore, profetico, regionale

 

In aggiornamento

 

Segui la playlist di T-Arab su Spotify: esplora i brani degli episodi passati e scopri quelli in arrivo 

 

Le opinioni espresse in questo articolo sono responsabilità degli autori e non riflettono necessariamente la posizione della Fondazione Internazionale Oasis
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Oasiscenter
Abbiamo bisogno di te

Dal 2004 lavoriamo per favorire la conoscenza reciproca tra cristiani e musulmani e studiamo il modo in cui essi vivono e interpretano le grandi sfide del mondo contemporaneo.

Chiediamo il contributo di chi, come te, ha a cuore la nostra missione, condivide i nostri valori e cerca approfondimenti seri ma accessibili sul mondo islamico e sui suoi rapporti con l’Occidente.

Il tuo aiuto è prezioso per garantire la continuità, la qualità e l’indipendenza del nostro lavoro. Grazie!

sostienici

tag