close_menu
close-popup
image-popup

Lingue disponibili:
close-popup
Paypal
Carta di credito

Privacy policy

abbonati
Islam

La riforma dei manuali di al-Azhar: una questione politica

Al-Azhar [Moody Man - Flickr]

In seguito all’affermazione del terrorismo jihadista, la moschea-università del Cairo è stata accusata di favorire con i suoi metodi d’insegnamento la diffusione dell’estremismo

Questo articolo è pubblicato in Oasis 29. Leggi il sommario

Ultimo aggiornamento: 08/10/2019 09:42:45

In seguito all’affermazione del terrorismo jihadista, la moschea-università del Cairo è stata accusata di favorire con i suoi metodi d’insegnamento la diffusione dell’estremismo. I vertici dell’istituzione hanno risposto avviando un programma di revisione dei libri di testo. Ma questa attenzione sulla trasmissione della tradizione religiosa rischia di oscurare le responsabilità del potere politico.

  

Nel corso della storia dell’Islam si sono susseguiti diversi modelli d’insegnamento, ciascuno dei quali rifletteva la cultura islamica e lo stato della comunità scientifica di una determinata epoca. L’insegnamento religioso ha preso avvio con la trasmissione orale delle varie branche del sapere islamico, per poi consolidarsi con la messa per iscritto e il processo di classificazione, suddivisione e raggruppamento operato dagli esperti religiosi. Alla fine del IV secolo dell’era islamica (X secolo dell’era cristiana, NdR) erano già state istituite tutte le scienze e stabilite le loro metodologie. In tutte queste fasi il sapere è stato un’immagine fedele delle varie dimensioni della società islamica. In particolare, però, va detto che lo stato delle scienze e i metodi d’insegnamento erano un riflesso della relazione tra il potere politico e la comunità intellettuale, e dell’inserimento di quest’ultima nella società musulmana.

 

La libertà della comunità scientifica

Per quanto nel corso della storia islamica il potere politico abbia potuto stabilizzarsi, nessuna autorità ha mai raggiunto una centralizzazione tale da poter controllare lo sviluppo del sapere e i programmi d’insegnamento. Nel complesso, la comunità scientifica, libera dalle pressioni politiche, ha potuto agire secondo criteri propri.

Per continuare a leggere questo articolo devi essere abbonato Abbonati
Sei già abbonato? Accedi

Per citare questo articolo

 

Riferimento al formato cartaceo:

Ahmad Wagih, La riforma dei manuali di al-Azhar: una questione politica, «Oasis», anno XV, n. 29, luglio 2019, pp. 32-38.

 

Riferimento al formato digitale:

Ahmad Wagih, La riforma dei manuali di al-Azhar: una questione politica, «Oasis» [online], pubblicato il 16 settembre 2019, URL: https://www.oasiscenter.eu/it/al-azhar-riforma-manuali.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter per non perderti i nostri approfondimenti

Per approfondimenti e analisi abbonati alla nostra rivista semestrale